Verso le elezioni, UNC: riduzioni Alitalia non sono convenienti

Le tariffe elettorali agevolate di Alitalia sono davvero convenienti? Non sembra secondo quanto denuncia all’Unione Nazionale Consumatori una giovane che vorrebbe rientrare a casa per il voto approfittando delle offerte di Alitalia, che però si rivelano tali: i biglietti scontati sono introvabili, la riduzione esclude le tasse aeroportuali e i biglietti in promozione, col risultato che questi ultimi risultano più convenienti. A questo si aggiunge che si più prenotare solo tramite call center – a pagamento – o in agenzia, dove si aggiunge una commissione.

Si legge nell’email che ha inviato la consumatrice all’UNC: “Vivo a 1200 chilometri dalla terra dove sono nata e finalmente, dopo tanti sacrifici, da qualche mese ho trovato un lavoro. Visto che sono stata appena assunta, non posso chiedere giorni di ferie per partire, ma per le elezioni vorrei tornare a casa anche solo per due giorni: con il treno sono davvero troppe ore di viaggio, ma ho letto che anche alcune compagnie aeree hanno previsto gli sconti elettorali. Do un’occhiata al sito Alitalia e… cos è una presa in giro?”. Ecco come sono le tariffe elettorali della compagnia, continua la ragazza: “Non solo i biglietti scontati sono a dir poco introvabili ma la riduzione del 40% (fino ad un massimo di 40 euro) sul biglietto di andata e ritorno esclude le tasse aeroportuali e ovviamente i biglietti in promozione. Dunque, anche con lo sconto massimo di 40 euro, pagherei più di quanto spenderei con i biglietti in promozione! Come se non bastasse, la prenotazione va fatta solo attraverso il call center o in agenzia. Grazie, conveniente davvero!”.

“Come dare torto alla nostra giovane amica – commenta Massimiliano Dona, segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori – che non solo si sente privata del suo diritto di voto, ma al danno si aggiunge la beffa. Dopo le polemiche sui biglietti andata e ritorno a 99 euro per gli studenti Erasmus dei quali, sembrerebbe, quasi nessuno è riuscito ad usufruire, ora la compagnia di bandiera in un moto di generosità allarga la promozione anche ai voli nazionali, ma con delle condizioni davvero sconvenienti”. A questo si aggiunge il costo della telefonata al call center – pari a 12 centesimi alla risposta e 30 centesimi per ogni minuto di conversazione – o la commissione della prenotazione dei biglietti in agenzia. Insomma: un’offerta non proprio conveniente.

Comments are closed.