Mise-Miur: tre bandi per competitività, startup, ricerca e specializzazione territori

I ministri Corrado Passera e Francesco Profumo hanno presentato tre bandi del valore di 256,5 milioni di euro che hanno l’obiettivo di potenziare le infrastrutture di ricerca delle Università e degli Enti Pubblici di Ricerca nelle Regioni della Convergenza (Sicilia, Calabria, Puglia e Campania); elaborare progetti di innovazione della PA per garantire servizi di elevata qualità ai cittadini; sostenere la competitività delle imprese, anche a livello di start up, attraverso quattro iniziative di ricerca e innovazione.

1) Potenziamento infrastrutturale del sistema della Ricerca

Obiettivo principale del bando, che può contare su un finanziamento di 76,5 milioni di euro, è individuare nuovi investimenti e iniziative in grado di sostenere lo sviluppo del sistema della ricerca e dell’istruzione, nelle Regioni della Convergenza, attraverso il potenziamento delle strutture di servizio.

2) La PA come fattore di innovazione. I bandi precommerciali

Mise e Miur hanno stanziato 150 milioni di euro per favorire la ricerca e lo sviluppo di soluzioni e servizi innovativi di pubblica utilità, al momento non presenti sul mercato. Tali risorse saranno impiegate attraverso lo strumento dei bandi pre-commerciali, a cui potranno partecipare tutte le amministrazioni pubbliche delle Regioni Convergenza.

3) Progetti per il sostegno di Startup

Il bando (30 mln) ha l’obiettivo di sostenere la competitività delle imprese, in particolare delle micro, piccole e medie imprese delle regioni della Convergenza, attive da meno sei anni (star up o spin-off), in collaborazione con università, centri di ricerca, amministrazioni pubbliche e grandi imprese.

Comments are closed.