Carburanti, MSE: oggi il tavolo su rete distribuzione

Al Ministero dello Sviluppo economico si è svolto oggi un nuovo incontro sulle problematiche della rete della distribuzione dei carburanti. Un tavolo tecnico sulla ristrutturazione della rete sarà operativo dalla prossima settimana mentre una nuova riunione fra sindacati, organizzazioni del settore e Ministero è prevista per novembre. Alla riunione- presieduta dai Sottosegretari Simona Vicari e Claudio De Vincenti- hanno partecipato, oltre al dottor Gianfrancesco Vecchio, Mister Prezzi, e all’ingegner Gilberto Dialuce, direttore generale per la sicurezza dell’approvvigionamento e le infrastrutture energetiche, i rappresentanti sindacali dei gestori e gli esponenti delle principali organizzazioni del settore.

“Una riunione utile – ha spiegato il Sottosegretario De Vincenti – che è servita a fare un punto della situazione, prendendo coscienza delle varie problematiche che il settore lamenta. In questo senso il Ministero è d’accordo con la richiesta avanzata dalle parti sociali che sia opportuno lavorare attraverso una maggiore concertazione volta a coinvolgere anche i responsabili degli Enti locali”.

Per quanto riguarda l’obbligo di registrazione e comunicazione dei prezzi, il Sottosegretario Vicari ha rilevato: “Il lavoro svolto finora è stato positivo ed evidenzia che c’è condivisione su questo tema e sull’obiettivo da raggiungere. E’ evidente però che dilazioni non sono possibili e che quindi le Associazioni debbono adoperarsi, affinché garantiscano nel più breve tempo possibile una completa adesione dei gestori alle disposizioni. Questo anche alla luce delle campagne di controlli che partiranno dall’inizio del prossimo mese di dicembre”.

Sul problema della ristrutturazione della rete i due Sottosegretari hanno convenuto di procedere attraverso la convocazione di un tavolo tecnico presso il Ministero. Questo tavolo dovrà fare un quadro della situazione e ragionare su una serie di punti chiave, attraverso i quali mettere in atto la razionalizzazione della rete.

Comments are closed.