Abbassalabolletta, oltre 86.000 adesioni al gruppo d’acquisto dell’energia

Sono più di 86.000 le adesioni al gruppo d’acquisto dell’energia elettrica Abbassalabolletta, lanciato da Altroconsumo appena due mesi fa. Un’idea nuova (almeno per l’Italia) e intelligente rispetto ad un settore dove lo switch (cambio fornitore) non è ancora una pratica diffusa. Negli ultimi 10 anni meno di un terzo degli italiani ha cambiato fornitore di elettricità e appena il 23% ha cambiato provider per il riscaldamento a gas. Ancora meno quelli che hanno attivato nuove tariffe rimanendo con lo stesso fornitore di energia. Sono dati che emergono dall’indagine sul risparmio energetico che sarà diffusa a settembre, di cui Altroconsumo anticipa oggi alcuni dati.

Tra i motivi dello switch la maggioranza (dal 90% dell’elettricità al 75% del gas) ha deciso di passare a un altro fornitore nella speranza o nella convinzione di poter risparmiare. C’è anche chi cambia per la (bassa) qualità del servizio clienti, parametro sempre più importante per l’utente informato.

Gli italiani che hanno cambiato fornitore a oggi sono quasi equamente divisi tra soddisfatti e insoddisfatti, con una leggera prevalenza di questi ultimi. Il voto medio dato ai risparmi ottenuti con i nuovi fornitori non raggiunge la sufficienza né per l’elettricità (58 su 100) né tanto meno per il gas naturale (56 su 100). Secondo il campione intervistato la liberalizzazione non ha ancora portato i benefici sperati, vuoi per la pigrizia dell’utente medio, vuoi per i pochi effettivi sgravi sulla bolletta degli utenti che hanno provato a cambiare.

Il gruppo d’acquisto Abbassalabolletta.it vuol far giocare un ruolo attivo all’utente che negozia così direttamente con i fornitori per ottenere il contratto trasparente più conveniente per il proprio profilo d’utenza. Le adesioni sono gratuite e si raccolgono sino al 18 settembre prossimo. Il giorno dopo l’asta tra fornitori deciderà chi si aggiudicherà il bacino di migliaia di utenti che si appoggiano ad Altroconsumo. L’organizzazione di consumatori sta preparando il terreno per il 19 settembre: oltre 500 lettere già inviate a tutti i fornitori di energia italiani autorizzati alla vendita di luce o gas; 40 richieste ricevute di incontro per chiarimenti e dettagli sul progetto e 20 incontri con i fornitori per presentare nel dettaglio le modalità di partecipazione all’asta e raccogliere spunti e feedback da parte dei singoli operatori.

Chi sono gli 86.000 utenti che hanno già aderito ad Abbassalabolletta.it? Il 70% è ancora sul mercato tutelato dell’energia elettrica, l’80% sul mercato tutelato del gas. Il 46% ha utenze energia nel Nord Ovest, 23% al Centro, 17% Nord Est, 14% Sud e Isole. Sono ben 162 gigawatt/ora (gWh) i consumi totali di energia elettrica dichiarati dagli utenti che hanno indicato anche i propri dati di consumo (pari a oltre il 60% degli iscritti); 120 milioni i metri cubi di consumi totali di gas. Cifre sostenute, oltre la media nazionale.

Un commento a “Abbassalabolletta, oltre 86.000 adesioni al gruppo d’acquisto dell’energia”

  1. Bruno Montecchiari ha detto:

    L’iniziativa andrebbe maggiormente pubblicizzata,ad esempio in televisione.
    Saluti