Aeeg: cresciute di più del 50% le mini centrali

Gli impianti di piccola taglia diffusi sul territorio nel 2011 sono 335.318, un numero più che raddoppiato rispetto allo scorso anno. E’ quanto rende noto oggi l’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas secondo cui la cosiddetta generazione distribuita’, deriva per l’80 % da fonti rinnovabili e, in particolare, da fotovoltaico e rappresenta ormai circa il 10% dell’intera produzione elettrica nazionale. Guardando ad una distribuzione territoriale, l’Autorità rileva che sono la Lombardia, il Piemonte e l’Emilia Romagna a contribuire in maniera più massiccia con oltre un terzo del totale.

In particolare, nel 2011, la produzione lorda degli impianti di generazione distribuita, ha raggiunto i 29,2 TWh; rispetto all’anno precedente, la produzione di energia elettrica è cresciuta del 47,4%, principalmente da impianti fotovoltaici (+ 458,3) e, in parte residuale, da impianti termoelettrici (+ 21,7%) ed eolici (+ 4%), mentre risulta in calo (-8,75) la produzione da fonte idroelettrica. Degli oltre 335mila impianti censiti, per una potenza efficiente lorda complessiva pari a 17.911 MW (circa il 14,6% della potenza efficiente lorda del parco di generazione nazionale), la quasi totalità (oltre 332mila) è di piccole e piccolissime dimensioni.

Un ulteriore elemento che emerge dal monitoraggio è la notevole riduzione della potenza media installata per impianto, che registra un calo da 0,42 MW del 2007 fino a 0,05 MW nel 2011; allo stesso modo, la produzione media per impianto è diminuita dai 1,29 GWh per impianto nel 2007 fino a 0,09 GWh per impianto nel 2011. Il rapporto, approvato con delibera 129/2013/I/eel, è disponibile sul sito www.autorita.energia.it

Comments are closed.