Disservizi Acea Energia, Codici prepara un dossier per l’Aeeg

“Non vogliamo che il consumatore si trasformi in una cassa depositi e crediti verso le aziende dei servizi elettrici”. Così Luigi Gabriele, Responsabile Rapporti Istituzionali Codici, commenta il gran numero di segnalazioni che l’Associazione riceve e che riguardano disservizi causati dalla società romana, Acea Energia. I cittadini lamentano troppo spesso di rimanere vittima di pratiche commerciali scorrette messe in atto dalla società: cambi di tariffe e fatturazione di consumi presunti invece che effettivi, solo per citarne alcuni.I casi all’ordine del giorno sono tantissimi, tanto che il Codici ha deciso che il 20 settembre, in fase di consultazione annuale, presenterà all’Autorità per l’energia elettrica e il gas un dossier su quanto sta accadendo.

Tra le ultime segnalazioni ci sono soprattutto gli addebiti ingiustificati, la latitanza del numero verde, i raggiri e l’inefficienza delle procedure burocratiche. Per citare qualche caso: non mancano gli utenti che si rivolgono al numero verde, ad esempio per riallacciare la luce in un appartamento, ma non riescono a parlare con nessuno, perché le attese telefoniche sono lunghissime e alla fine un messaggio registrato avverte di riprovare più tardi. Molto numerosi anche i casi degli addebiti ingiustificati che, anche se vengono prontamente segnalati dagli utenti all’Acea, non portano ad un effettivo adeguamento dell’importo nelle bollette. Non mancano neanche i casi di raggiri o comportamenti poco trasparenti. Eclatante il caso di una signora (anziana e invalida) che, non vedendosi recapitare la bolletta, chiede informazioni ad uno sportello e scopre inaspettatamente di essere passata ad un altro gestore (che non le viene neanche comunicato). La signora non ha mai firmato un contratto, ma le dicono che potrebbe essere caduta nel tranello delle telefonate registrate. Dopo aver ricevuto un sollecito di pagamento di circa 500 euro, la signora invia un telegramma per ricevere copia del contratto, ma senza nessun risultato.  Alla sede di Acea, infine, le viene detto che per rientrare in Acea è necessario pagare.

Un commento a “Disservizi Acea Energia, Codici prepara un dossier per l’Aeeg”

  1. NINO ha detto:

    Malgrado siano venuti a rilevare il consumo dal contatore continuano ad inviarmi fatture in acconto per poi fare il conguaglio,nel complesso siamo diventati i finanziatori senza interessi di queste società come anche l’ENI .Malgrado puntualmete gli mando le letture.Ma dico perchè questi signori non hanno una mail dove inviare la posta certificata? La legge che imponeva l’utilizzo della mail è stata emendata,come sempre per i poteri forti che l’ha resa facoltativa ed,ovviamente tutti ne approfittano…purtroppo siamo sempre l’Italia dei furbi non siamo mica la Germania degli intelligenti e onesti