Energia, Federconsumatori: lobbies all’opera per annullare risparmi in bolletta

Il Governo non fa in tempo ad annunciare i benefici in materia di energia previsti dal decreto del fare, che arrivano subito le lobbies a metterli in discussione. E’ quanto scrive Federconsumatori in una nota: “da alcune indiscrezioni trapelerebbe che le potenti lobbies delle imprese stiano lavorando per far saltare la copertura necessaria a garantire i risparmi in bolletta per gli utenti”.

“Una copertura che avrebbe dovuto essere assicurata, in parte da un alleggerimento degli oneri di sistema calcolati in bolletta sotto la voce Cip6, ovvero per il finanziamento delle fonti assimilate alle rinnovabili, in parte da un’estensione della Robin tax alle imprese più piccole che hanno ricavi annui superiori a 3 milioni di euro e un imponibile di oltre 300.000 euro (fatta eccezione per le imprese che producono energia da fonti rinnovabili)”.

“Lo scopo delle imprese di energia – scrive Federconsumatori – è quello di far saltare l’estensione della Robin tax e, magari, l’intera applicazione della tassa che, fin dalla sua entrata in vigore, è stata mal sopportata”. I sospetti (condivisi anche dall’AEEG) sono addirittura che la Robin tax sia stata persino scaricata sulle bollette degli utenti.

L’Associazione dei consumatori chiede al Governo di non cedere alle pressioni delle lobbies dell’energia e di anteporre le esigenze dei cittadini che, in questi anni, sono stati continuamente tartassati sul versante dell’energia subendo, dal 2000 al 2013, aumenti di 696 euro per luce e gas. “È fondamentale garantire i benefici in bolletta già annunciati, facendo di tutto per incrementarli. In tal senso ribadiamo la necessità di cancellare di uno degli ultimi provvedimenti del Governo Monti che ha regalato alle imprese energivore incentivi per ben 600 milioni di euro, scaricandoli sulle bollette e determinandone un ulteriore aumento del +2%”.

Un commento a “Energia, Federconsumatori: lobbies all’opera per annullare risparmi in bolletta”

  1. salvatore ha detto:

    Non era meglio che i 550 milioni di euro che comportano un risparmio di circa 10 euro a famiglia, fossero messi in un fondo per aiutare le situazioni più disperate!!