Luce e gas, Supermoney: consumi in aumento, soprattutto in Sardegna e Sicilia

In controtendenza con quanto ci si aspetterebbe, i consumi energetici annui di molti italiani sono aumentati. E’ quanto emerge da uno studio di SuperMoney che ha analizzato le richieste inoltrate sul sito da 50.000 utenti tra novembre 2012 e aprile 2013. In questi 6 mesi, i consumi annui dichiarati dal campione sono progressivamente aumentati: l’incremento nel semestre si è attestato all’11,58% per l’elettricità e al 14,56% per il gas.

Per il gas il consumo medio si attesta sui 1.314 metri cubi, con la più alta concentrazione della fascia 500-1000 m3; per quanto riguarda l’elettricità, il consumo medio si attesta a 3.669 Kilo Watt ora, con la maggior parte degli utenti concentrati nella fascia 2001-3000 kWh.

Lo studio SuperMoney ha anche osservato lo spaccato regionale dei consumi energetici: le Isole si aggiudicano il primato del consumo di energia elettrica. Per la Sardegna, un elevato utilizzo di elettricità si spiega con l’assenza di una rete di distribuzione del gas, che porta gli utenti a servirsi di apparecchi elettrici anche per il riscaldamento. La Sicilia, invece, non ha questa situazione e si aggiudica il secondo posto tra le Regioni più “sprecone”.

“I nostri dati, basati sulle dichiarazioni di 50.000 utenti, risultano in controtendenza rispetto al Bilancio di sintesi dell’energia in Italia 2012, pubblicato lo scorso 26 aprile dal Ministero per lo sviluppo economico – commenta Andrea Manfredi, amministratore delegato di SuperMoney – Nel documento ministeriale, i cui dati sono ancora provvisori, si registra infatti una contrazione dei consumi di energia elettrica pari al 3,5% e dei consumi di gas naturale pari al 3,9% per il 2012. La nostra analisi, tuttavia, porta in luce un fenomeno in linea con le ristrettezza dei tempi che stiamo vivendo: nell’ultimo anno gli italiani, dovendo tagliare le spese superflue, hanno trascorso molto più tempo tra le mura domestiche, prediligendo il fai da te all’acquisto di prodotti già pronti. Questa tendenza potrebbe essere incentivata dalla riduzione dei prezzi di luce e gas, che dal 1° aprile sono diminuiti rispettivamente dell’1% e del 4,2% e, stando alle previsioni dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas, dovrebbero continuare a scendere”.

Comments are closed.