Entrate tributarie, Mef: a gennaio-febbraio più 1,2%

Fra gennaio e febbraio le entrate tributarie erariali ammontano a 61.784 milioni di euro, registrando una crescita tendenziale dell’1,2% (+735 milioni di euro), rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. È quanto comunica il Ministero dell’economia e delle finanze, precisando però che “i primi mesi dell’anno non sono particolarmente significativi per l’andamento delle entrate tributarie, considerata l’assenza di particolari scadenze o di versamenti di importo rilevante”.

Fra le imposte dirette, il Mef registra un gettito complessivamente pari a 36.518 milioni di euro in calo dell’1,5% (–571 milioni di euro), rispetto agli stessi mesi dello scorso anno. L’IRPEF rimane complessivamente stabile (+0,1%, corrispondente a 42 milioni di euro). Il risultato riflette l’incremento del gettito delle ritenute sui redditi dei dipendenti del settore pubblico (+1,2%) mentre è in flessione il gettito delle ritenute sui redditi dei dipendenti del settore privato (–0,8%), dei lavoratori autonomi (–4,0%) e dei versamenti in autoliquidazione (–3,9%).

Le imposte indirette registrano un gettito pari a 25.266 milioni di euro con un incremento del 5,5% (+1.306 milioni di euro), rispetto agli stessi mesi dello scorso anno. Aumenta il gettito Iva, che risulta in crescita del 4,6% (+549 milioni di euro). In particolare questo andamento riflette il trend positivo della componente relativa agli scambi interni pari al 7,6% (+740 milioni di euro), in atto da alcuni mesi e tale da compensare la dinamica negativa che ancora si registra per la componente sulle importazioni (–8,2% ovvero 191 milioni di euro).

Sono in calo le entrate da giochi, che nel complesso diminuiscono dell’1,5% (–30 milioni di euro), mentre le entrate tributarie derivanti dall’attività di accertamento e controllo crescono del 5,2% (+50 milioni di euro).

Comments are closed.