Giordano (Adiconsum): lotta a evasione non sia a carico dei pensionati

Totale esenzione da ogni spesa e imposta per i pensionati che non possiedono altro conto corrente o carta di credito che non sia quello che dovranno ora avere per le nuove norme Inps sul pagamento delle pensioni. E una campagna informativa sulla riduzione a mille euro del limite d’uso del contante.Sono le due richieste fatte da Adiconsum, che condivide l’abbassamento della soglia d’uso del contante ma precisa: la lotta all’evasione fiscale non può essere a carico dei pensionati. Spiega il segretario generale Adiconsum Pietro Giordano: “Non sono i pensionati gli evasori fiscali che sottraggono 120 miliardi di euro l’anno al fisco con conseguenti  maggiori tasse a carico dei cittadini onesti. Per tutti i pensionati, ora obbligati ad avere un conto corrente bancario o postale – afferma Giordano – deve essere prevista la totale esenzione da ogni spesa e imposta se non possiedono altri conti correnti o carte di credito, e non solo per quelli al minimo di pensione. Scelta ancora più importante nel caso, auspicato, che la soglia venga ancora abbassata (300/500 euro)”.

L’associazione chiede che sia realizzata una campagna divulgativa perché i pensionati siano informati – attraverso Pubblicità Progresso, numeri verdi e quanto può essere utile – della riduzione a mille euro dell’uso del contante. “Infine, ad avviso di Adiconsum, – conclude Giordano –  le modifiche alla legge 248 dovrebbero prevedere una sanatoria per il precedente passaggio a 2.500 euro del saldo dei libretti al portatore, che, a causa della scarsa divulgazione della norma, sta creando difficoltà ai cittadini che,  per non essersi adeguati per tempo, stanno ricevendo multe anche di 3.000 euro”.

Comments are closed.