Mini-Imu, Cittadinanzattiva Milano: cittadini siano messi in condizione di pagare

Mini-Imu: la scadenza si avvicina e le associazioni dei consumatori continuano a denunciare il caos in cui si ritrovano i contribuenti, alle prese con l’incertezza sugli eventuali pagamenti (non si paga in tutti i Comuni) e con i calcoli da fare per stabilire la quota da versare. Oggi le segnalazioni arrivano da Cittadinanzattiva Milano. “Il Comune di Milano garantisca la possibilità, nonché le stesse condizioni, per tutti i contribuenti nel pagamento della mini-Imu”, chiede la responsabile dell’area delle politiche dei consumatori di Milano di Cittadinanzattiva Ilaria Brancaccio.

Molti sono i cittadini che si stanno rivolgendo ai nostri sportelli per segnalare le difficoltà riscontrate nel pagamento del tributo in questione – spiega Brancaccio – Difficoltà che, se da un lato, interessano tutti coloro che non dispongono di un computer o di un collegamento ad internet, dall’altro sono riconducibili  all’intasamento del centralino del Comune di Milano 02.0202 e degli sportelli, che presi d’assalto, danno come prima data disponibile, per supportare i contribuenti nel calcolo, il 2 febbraio, ben oltre la scadenza del 24 gennaio”. L’associazione chiede al Comune di potenziare a titolo gratuito e adeguatamente il servizio di supporto per il calcolo esatto dell’importo del tributo.

Un commento a “Mini-Imu, Cittadinanzattiva Milano: cittadini siano messi in condizione di pagare”

  1. Rosa Prati ha detto:

    Una mia carissima amica non puo’ pagare, vivono lei e la sorella disoccupate nella casa ereditata dai genitori. Cosa può accadere a loro se non pagano? Come pagano se non hanno reddito?