Verso una giustizia efficiente, pubblicato quadro valutazione UE

“Giustizia tardiva equivale a giustizia negata. L’indipendenza e il corretto funzionamento dei sistemi giudiziari nazionali sono essenziali tanto per ottenere la fiducia dei cittadini e degli investitori quanto per assicurare la fiducia reciproca nello spazio europeo di giustizia”. Lo ha detto Viviane Reding, Commissaria UE per la Giustizia, in occasione della presentazione del quadro di valutazione della giustizia per promuovere qualità, indipendenza ed efficienza dei sistemi giudiziari nell’UE. 

Il quadro di valutazione europeo della giustizia è uno strumento di informazione che offre dati oggettivi, affidabili e comparabili sui sistemi giudiziari degli Stati membri. Come la prima edizione del 2013 (IP/13/285), l’edizione del 2014 servirà agli Stati membri e all’UE per rendere i sistemi giudiziari più efficienti, e di conseguenza contribuirà a promuovere la crescita economica dell’UE. Concorrerà al processo del semestre europeo, il ciclo annuale di coordinamento delle politiche economiche dell’Unione diretto a stimolare i risultati economici e la competitività degli Stati membri attraverso una serie di raccomandazioni specifiche per paese.

“Il quadro di valutazione europeo della giustizia è uno strumento fondamentale della strategia economica dell’UE, in quanto consente di migliorare l’efficienza della giustizia, a beneficio dei cittadini e delle imprese. L’indipendenza e il corretto funzionamento dei sistemi giudiziari nazionali sono essenziali tanto per ottenere la fiducia dei cittadini e degli investitori quanto per assicurare la fiducia reciproca nello spazio europeo di giustizia – ha dichiarato Reding – Questa seconda edizione del quadro di valutazione europeo della giustizia giunge in un momento in cui molti Stati membri stanno realizzando riforme giudiziarie per migliorare la competitività. Le evoluzioni e i dati confermano l’importanza di continuare a portare avanti con impegno e determinazione gli sforzi per migliorare l’efficienza dei sistemi giudiziari in tutta l’Unione”.

Il quadro di valutazione europeo della giustizia 2014 riunisce dati provenienti da varie fonti. La maggior parte dei dati quantitativi è stata fornita dalla commissione per la valutazione dell’efficienza della giustizia del Consiglio d’Europa (CEPEJ), che raccoglie i dati dagli Stati membri. Il quadro di valutazione 2014 si concentra sul contenzioso civile, commerciale e amministrativo, avvalendosi degli stessi indicatori usati nel 2013 e attingendo a nuove fonti di informazione:

  • efficienza dei sistemi giudiziari (durata dei procedimenti, tasso di ricambio e numero di cause pendenti);
  • qualità (formazione obbligatoria dei giudici, monitoraggio e valutazione delle attività dei tribunali, risorse umane e finanziarie assegnate ai tribunali e disponibilità di tecnologie dell’informazione e della comunicazione e di metodi alternativi di risoluzione delle controversie);
  • indipendenza: il quadro di valutazione presenta i dati sulla percezione dell’indipendenza della magistratura. L’edizione 2014 fornisce anche una prima rassegna comparativa generale sulle modalità organizzative dei sistemi giudiziari nazionali a garanzia dell’indipendenza della magistratura nei casi in cui possa essere a rischio. Analizza, ad esempio, le garanzie giuridiche contro il trasferimento e la revoca dei giudici.

Il quadro di valutazione 2014 riporta inoltre i risultati di due studi pilota che forniscono dati precisi sulla durata dei procedimenti giudiziari in materia di concorrenza e tutela dei consumatori, espressa in giorni medi.

I principali risultati del quadro di valutazione europeo della giustizia 2014 sono i seguenti:

alcuni Stati membri continuano a incontrare problemi particolari riguardo all’efficienza dei rispettivi sistemi giudiziari. La lunga durata dei procedimenti di primo grado e i tassi di ricambio bassi o il numero elevato delle cause pendenti evidenziano la necessità di miglioramenti. Sebbene di recente in alcuni Stati membri siano state adottate riforme ambiziose (ad esempio in Portogallo), i loro effetti non possono ancora essere presi in considerazione dal quadro di valutazione poiché la maggior parte dei dati riguarda il 2012 e gli anni successivi;

la disponibilità nei tribunali di tecnologie dell’informazione e della comunicazione è aumentata, ma può ancora migliorare, in particolare per agevolare i contatti tra i tribunali e i cittadini. In quasi tutti gli Stati membri esistono metodi alternativi di risoluzione delle controversie, mentre il monitoraggio e la valutazione delle attività dei tribunali sono previsti nella maggior parte degli Stati membri;

in quasi un terzo degli Stati membri il tasso di partecipazione dei giudici alle attività di formazione permanente sul diritto dell’Unione è superiore al 50%. La formazione dei giudici e dei professionisti del diritto e le tecnologie dell’informazione e della comunicazione sono fondamentali per il buon funzionamento dello spazio europeo di giustizia basato sulla fiducia reciproca;

in vari Stati membri la percezione dell’indipendenza della magistratura è migliorata, anche se in alcuni Stati membri invece è peggiorata.

Prossime tappe

I risultati del quadro di valutazione saranno presi in considerazione nella preparazione delle prossime analisi specifiche per paese del semestre europeo 2014 e nel contesto dei programmi di aggiustamento economico. I fondi UE (Fondo di sviluppo regionale e Fondo sociale) possono essere usati per sostenere le riforme dei sistemi giudiziari nazionali.

Sulla base della prima rassegna comparativa delle garanzie giuridiche a tutela dell’indipendenza della magistratura, la Commissione intende sviluppare ulteriormente questi dati comparativi. La Commissione collaborerà con esperti della magistratura e degli Stati membri, nonché con gli operatori del diritto e le reti giudiziarie europee, per migliorare la qualità, la disponibilità e la comparabilità dei dati in previsione delle future edizioni del quadro di valutazione.

Un commento a “Verso una giustizia efficiente, pubblicato quadro valutazione UE”

  1. Costante ha detto:

    Ma come si fa a rendere efficiente una giustizia che è dichiaratamente politicizzata e divisa palesemente in partiti e correnti? basta solo questo per dire che bisognerebbe azzerare tutto subito e ripartire daccapo.