Decreto sviluppo, Ania: sull’rc auto obiettivi non facilmente raggiungibili

Si è tenuta oggi l’audizione del presidente dell’Ania, Aldo Minucci, sul secondo Decreto crescita approvato il 4 ottobre scorso dal Consiglio dei Ministri. Come è noto il provvedimento ha introdotto non poche norme riguardanti il settore dell’rc auto. Per il Presidente dell’Ania “le norme del decreto legge sulla crescita relative al mercato assicurativo, per la maggior parte “sono dirette a intervenire sulla questione Rc auto con l’obiettivo, in alcuni casi non centrato e anzi completamente ribaltato, di ridurre i prezzi delle coperture”.

 “Se l’obiettivo e’ giusto, sono pero’ sbagliati gli strumenti, o almeno alcuni di essi” anche perche’ il decreto legge “muove da alcuni presupposti che non trovano riscontro nella realta’ del mercato, ossia che l’assicurazione Rc auto in Italia sia caratterizzata da: scarsa concorrenza fra imprese; ridotta mobilita’ degli assicurati; mancata conoscenza delle offerte presenti sul mercato”. Invece, ribadisce Minucci, “non posso non rilevare ancora una volta che per arrivare a un duraturo e sostenibile trend discendente dei prezzi Rc auto c’e’ un’unica strada: intervenire sui fattori strutturali che mantengono elevato il costo dei sinistri”.

Comments are closed.