Fonsai, per la Consob bilanci non conformi

Il caso Fonsai continua ad essere al centro di indagini e controlli per verificare lo stato della società che qualche mese fa è stata acquisita da Unipol. Secondo la Consob all’interno della società c’era una struttura che emetteva numeri di bilancio sistematicamente sbagliati per difetto. L’Autorità di vigilanza si è resa quindi conto della non conformità del bilancio d’esercizio e del bilancio consolidato di Fonsai, di Milano Assicurazioni e di Premafin.

Oggetto di contestazione per il gruppo Fonsai sono state le modalità di contabilizzazione delle riserve sinistri dell’Rc auto e la valutazione della partecipazione in Milano Assicurazioni da parte di Fondiaria. “Anziché impugnare il bilancio – denuncia l’Adusbef in una nota – la Consob ha chiesto di rendere noti, ai sensi dell’art. 154-ter, comma 7, del testo unico della finanza, i dati pro-forma dei bilanci contestati in base alle carenze e alle criticità rilevate, nonché i principi contabili violati. Nel 2011 Fonsai ha aumentato le riserve sinistri di 810 milioni di euro, di cui almeno 517 milioni riferibili ai sinistri fino al 2009. Per la Consob questa rivalutazione, che ha contribuito alla perdita miliardaria del gruppo, sarebbe dovuta essere qualificata come errore e portare alla riesposizione del bilancio 2010″.

Adusbef, nell’integrazione agli esposti denuncia inviati a gennaio 2012 alle Procure di Milano e di Torino, sul crack annunciato del Gruppo Fonsai, ha chiesto l’incriminazione dei dirigenti Consob,vecchi e nuovi, per grave danno al mercato ed ai diritti dei risparmiatori ed omessa vigilanza sui bilanci.

Comments are closed.