Rcauto elettronica, Adoc: deterrente contro veicoli “fantasma”

L’introduzione del contrassegno elettronico per l’Rcauto potrebbe aiutare a ridurre il fenomeno delle vetture “fantasma”, prive di assicurazione: in Italia circolano infatti circa 4 milioni di veicoli sprovvisti di Rcauto. “Consideriamo importante l’introduzione del tagliando elettronico quale deterrente del fenomeno dei veicoli “fantasma”, sprovvisti di assicurazione Rcauto – dichiara Lamberto Santini, presidente dell’Adoc –  In Italia circa 4 milioni di veicoli circolano sulle strade senza copertura Rcauto obbligatoria, un fenomeno in continua crescita, soprattutto nel Sud Italia, e molto pericoloso per la sicurezza stradale. Se si pensa che in Italia il numero di incidenti per milione di abitanti è maggiore del 7% rispetto alla media europea (nel 2012 ci sono stati 62 incidenti per milione di abitanti, contro i 55 della media UE) e del 40% rispetto a Paesi come la Germania e la Spagna, l’impatto di tale fenomeno è rilevante e facilmente comprensibile”.

Per l’associazione una delle cause è rappresentata dal costo elevato delle assicurazioni e dalla forbice di spesa fra Nord e Sud Italia. “L’importo medio annuo, per un contraente italiano, si attesta sui 600 euro per veicolo, il 27% in più della media europea, l’80% in più della Germania e della Spagna, molto più del doppio rispetto alla Francia – ricorda Santini – E’ evidente che, in un momento particolarmente duro per l’economia delle famiglie, sborsare la metà di uno stipendio per l’assicurazione può diventare ostico o addirittura proibitivo. E’ fondamentale dunque prevedere molteplici interventi atti a ribassare drasticamente i costi delle polizze, riportandoli almeno nella media europea e di equiparare i costi sostenuti da Nord e Sud. In questo senso il tagliando elettronico potrebbe contribuire ad un abbassamento dei costi delle polizze”.

Comments are closed.