Banca Etica: tre nuove linee di credito per 45 mln di euro

Banca Etica ha annunciato l’apertura di tre nuove linee di credito per 45 milioni di euro per nuovi finanziamenti a imprese sociali e famiglie. Nei primi 6 mesi del 2013 la raccolta di risparmio affidato a Banca Etica è cresciuta del 7% e questo ha permetto alla banca di rilanciare il credito per le attività economiche destinate al bene comune. Per accedere ai finanziamenti occorre essere soci di Banca Etica e, per le imprese, operare nei settori che la Banca finanzia: cooperazione sociale e internazionale; tutela dell’ambiente; difesa della legalità, cultura e sport.

Commenta il presidente di Banca Etica Ugo Biggeri: “Quello che annunciamo oggi è un’ulteriore dimostrazione di come, attraverso la finanza etica, le persone possono contribuire concretamente a sostenere un’economia responsabile sotto il profilo sociale e ambientale, anche in un momento di forte crisi. Una scelta a tutto vantaggio della collettività, senza gravare sui conti dello Stato e offrendo nuove possibilità di sviluppo al Paese. L’apertura di nuove linee di credito è un risultato possibile grazie alla scelta di tante persone e organizzazioni che in questi mesi hanno aperto conti correnti e sottoscritto prodotti di risparmio presso il nostro Istituto, e che vogliono poter verificare sul nostro sito come usiamo i loro soldi”.

Le linee di credito per i nuovi finanziamenti sono così suddivise: 20 milioni di euro per anticipi fatture destinati in particolare a organizzazioni che erogano servizi sociali per conto di Enti Locali e che affrontano quotidianamente le difficoltà dovute al continuo allungamento dei tempi di pagamento; 15 milioni di euro per finanziamenti a medio lungo termine a favore di imprese sociali che vogliono investire per incrementare la propria capacità produttiva o per realizzare nuovi prodotti e servizi; 10 milioni di euro per acquisto e ristrutturazione della prima casa con agevolazioni per chi ha un’attenzione particolare agli interventi di efficienza energetica.

Comments are closed.