Convertendo BPM, al via conciliazione gratuita con Altroconsumo

Una buona notizia per le vittime dei Convertendo emessi circa 3 anni fa dalla Banca Popolare di Milano. Altroconsumo con i suoi avvocati avvia la conciliazione e l’assistenza legale sarà gratuita. Ecco in sintesi come è andata: la BPM ha emesso obbligazioni molto allettanti, con il 6,75% di rendimento annuale lordo. Ma c’era un piccolo particolare che alla banca è sfuggito di chiarire ai risparmiatori al momento della sottoscrizione: il rimborso previsto non era in contanti, ma in azioni Bpm. In più la banca ha anticipato la conversione in azioni alla fine del 2011 “lasciando di fatto i risparmiatori con un pugno di mosche in mano“. Tanto che la Consob ha multato tre dirigenti Bpm per pratiche commerciali scorrette.

E’ stato un bagno di sangue” ricorda Altroconsumo che precisa come “un titolo del genere, complesso e dal rendimento incerto, avrebbe dovuto essere destinato solo a investitori esperti e disponibili ad accettare un rischio elevato”. BPM, invece, ha spinto il collocamento di queste obbligazioni anche a chi non aveva queste caratteristiche.

Altroconsumo con altre associazioni di consumatori ha firmato un protocollo d’intesa con BPM, che consente a chi ha sottoscritto i bond di essere rimborsato (le modalità saranno legate al capitale investito e al profilo di investitore). Gli avvocati di Altroconsumo sosterranno gratuitamente chi aderirà: è sufficiente compilare il questionario sul sito altroconsumo.it.

 

Comments are closed.