Mps, Confconsumatori ammessa parte civile nel processo

Confconsumatori difende i risparmiatori coinvolti nello scandalo bancario del Monte dei Paschi di Siena: l’Associazione e i risparmiatori difesi dai suoi legali sono stati ammessi come parte civile nell’udienza di ieri, 15 aprile, cruciale nel processo per l’acquisizione di Antonveneta da parte di Mps. I legali di Confconsumatori spiegano: “Il nesso di causalità tra il crollo del titolo detenuto da migliaia di piccoli risparmiatori e le operazioni ardite compiute in questi anni dal precedente board, saranno il cuore delle vicende penali e civili che ci vedranno impegnati”.

Confconsumatori è stata tra le prime Associazioni in Italia a difendere le vittime di “Risparmio tradito” ed aveva già ottenuto il riconoscimento come parte civile in altri processi analoghi a quello di Mps. Anche in questo caso l’Associazione è in prima linea sia in sede civile che in sede penale e la decisione presa ieri dal Gup del Tribunale di Siena, Monica Gaggelli, è un’importante conferma del lavoro svolto e dei risultati ottenuti negli anni. Oggi si terrà ancora un’udienza in cui si dovrebbero discutere alcune eccezioni procedurali ed eccezioni di competenza territoriale presentate da alcuni legali, tra cui anche quelli di Confconsumatori.

“Stiamo lavorando a ritmo serrato – dichiara Mara Colla, Presidente nazionale di Confconsumatori – il riconoscimento di costituzione di parte civile nel processo penale, come Associazione e per i singoli risparmiatori, è un traguardo importante. Ora metteremo a disposizione, tramite il nostro sito e le nostre sedi sul territorio nazionale, la documentazione necessaria per la costituzione di parte civile per altri risparmiatori coinvolti che non hanno potuto costituirsi in questa fase”.

“Il nesso di causalità tra il crollo del titolo detenuto da migliaia di piccoli risparmiatori e le operazioni ardite compiute in questi anni dal precedente board, saranno il cuore delle vicende penali e civili che ci vedranno impegnati – aggiungono Luca Baj e Duccio Panti, legali di Confconsumatori – Come è già avvenuto in altri scandali analoghi, intendiamo ottenere per i risparmiatori e gli azionisti “traditi” la massima tutela possibile. Questo è il primo, fondamentale risultato. Andiamo avanti”. Gli azionisti MPS che desiderano prendere parte alle azioni che Confconsumatori metterà in campo possono richiedere informazioni e assistenza via e-mail all’indirizzo mps@confconsumatori.it o rivolgersi alla sede Confconsumatori più vicina consultando il sito www.confconsumatori.it.

Comments are closed.