Mps, ieri l’audizione al Tar Lazio su ricorso Codacons: nuova udienza il 3 aprile

Continua la battaglia giudiziaria a colpi di ricorsi al Tar portata avanti dal Codacons contro i Monti Bond emessi dal Ministero dell’Economia a favore del Monte dei Paschi di Siena. Ieri si è tenuta l’audizione al Tar del Lazio tra Codacons, Bankitalia, Ministero dell’Economia e Monte dei Paschi di Siena, in merito all’ultimo ricorso presentato dall’Associazione dopo la sottoscrizione dei Bond, del valore4 di oltre 4 miliardi di euro, da parte del Ministero dell’Economia.

La cronaca dell’audizione è, secondo il Codacons, di “uno scontro a fuoco durante il quale è stato tirato fuori dal cassetto il decreto con cui lo Stato ha “regalato” 4 miliardi di euro alla banca senese”, (documento pubblicato integralmente sul sito www.codacons.it) . L’Associazione ha chiesto al Tar di acquisire in via istruttoria le prove dei falsi nei bilanci di Mps, prendendo compiuta visione del documento depositato dal Mef il 19 febbraio scorso, in quanto nel bilancio di MPS  potrebbero essere stati occultati 5 miliardi di credit default swap con controparti private, artificiosamente documentati come l’insieme di  un investimento in titoli di Stato (BTP) con uno swap di tasso ed un’operazione di finanziamento  “long term repo”.

Fissata per il prossimo 3 aprile la nuova udienza del Tar Lazio. Il Codacons ha anticipato che oggi presenterà un’istanza istruttoria per chiedere l’acquisizione di ulteriori atti in merito alla vicenda Mps, tra cui quelli relativi alle operazioni in derivati.

Comments are closed.