Osservatorio: conti on line a zero spese, i migliori tre del mese di novembre

L’uso di moneta virtuale è sempre più diffuso nel Paese e, pertanto, sono sempre di più i lavoratori italiani che per contenere i costi dell’apertura di un deposito scelgono, per esempio, di confrontare conto corrente Arancio di ING Direct con quello di banca Intesa San Paolo o dei tanti altri istituti di credito.

La maggior parte dei consumatori, infatti, di un conto corrente per l’accredito dello stipendio, ma anche per fare acquisti tradizionali e effettuare pagamenti online comodi e sicuri con la carta di credito ad esso associata. Scegliendo bene è possibile risparmiare, contenendo i costi legati alla gestione di questo prodotto bancario.

Con l’aiuto del portale di comparazione SuperMoney, che confronta i conti di numerosi istituti da Banca Mediolanum a Deutsche Bank, scopriamo quali sono i tre migliori conti correnti con carta di credito annessa per chi ne fa un utilizzo nella media (fino a cinque operazioni a trimestre fra prelievi, versamenti e bonifici), anche per l’accredito della busta paga mensile.

La spesa media con la carta, con gli importi che vengono detratti direttamente dal conto, arriva, invece, ad un massimo di 300 euro al mese.

In cima alla classifica dei conti più convenienti troviamo il conto senza assistenza in filiale di CheBanca!, istituto on line. Non si prevede alcun costo a carico dei correntisti che ne sono titolari.

L’unica condizione è che qualsiasi operazione – dai bonifici ai pagamenti – venga eseguita sul web tramite le apposite piattaforme internet e mobile banking.

A seguire troviamo il conto corrente di banca Fineco, la banca “giovane” del gruppo UniCredit. Come il precedente, è a zero spese ed è per questo motivo che si aggiudica una meritatissima seconda posizione in classifica.

Chiude, infine, la classifica il popolare conto arancio di ING Direct. Anche qui via libera per tutti i consumatori interessati in quanto non sono previsti costi o commissioni.

Comments are closed.