Osservatorio: prestiti, forte contrazione nel mese di gennaio

Non è strano che, in un periodo di ristrettezze economiche e carenze dal punto di vista lavorativo, gli italiani si interroghino su quali soluzioni possano ripristinare il flusso di denaro fra le mura domestiche. Il numero dei cittadini che si sono rivolti alle banche o hanno iniziato a informarsi sui prestiti personali e i loro vantaggi è decisamente cresciuto nell’ultimo periodo, ma lo stesso non si può certo dire in riferimento agli importi concessi dalle banche, soggetti a una continua contrazione.

 

Quanto è difficile ottenere un prestito? Sempre di più, stando alle ultime notizie disponibili. In base ai dati diffusi da Bankitalia nei giorni scorsi, nel mese di gennaio 2012 si è registrata una forte contrazione creditizia. Una tendenza confermata dalle rilevazioni EURISC, il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF, che analizzando oltre 78 milioni di posizioni creditizie ha rilevato in gennaio un calo delle richieste di prestito pari al  15%, rispetto allo scorso anno.

 

Tutti questi dati dimostrano, quindi, come con l’inizio del nuovo anno il trend negativo in fatto di prestiti non abbia subito miglioramenti. Anzi se nell’ultimo mese di dicembre era stato registrato addirittura un miglioramento nella richiesta di prestiti personali e prestiti finalizzati da parte della famiglie italiane, ma tale miglioramento non ha avuto seguito nel mese successivo.

 

In particolare, analizzando separatamente le richieste di prestiti personali e prestiti finalizzati, i primi hanno registrato un calo del 13% mentre i secondi un calo del 17%. Spostando invece l’attenzione su un altro parametro, quello della durata dei finanziamenti, emerge che nel mese di gennaio i prestiti oltre 5 anni hanno rappresentato il 23% del totale, mentre quelli dai 2 ai 3 anni il  19%.

Per quanto riguarda gli importi erogati, secondo i dati dell’EURISC, gli importi inferiori ai 5.000 euro vanno per la maggiore, rappresentando oltre il 68% della domanda totale di prestiti finalizzati. La maggior parte dei prestiti personali (59%) va dai 5 ai 20 mila euro.

Infine, sono soprattutto i consumatori di età compresa tra i 35 e i 44 anni a fare richiesta di prestiti, sia personali sia finalizzati.

 

Nonostante l’accesso ad un prestito non sia cosa facile, come appunto dimostrano questi dati, resta comunque fondamentale per chi volesse tentare l’ardua impresa, confrontare le migliori offerte presenti sul mercato. In questo senso, un valido aiuto è quello offerto dal portale di SuperMoney, che mette a confronto i prestiti on line di numerose banche operanti nel settore, tra cui i prestiti Prestitempo, Findomestic, Agos Ducato e molti altri.

‘La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito SuperMoney.eu’

 

 

 

Comments are closed.