Tagli agli uffici postali, Consumatori: Poste non trascuri servizio universale

Le Poste vanno sempre più concentrando la loro attività nei settori a profitto: banche, assicurazioni, telefoni e, da ultimo, gratta e vinci trascurando  il servizio universale, che spetta a tutti i cittadini a prezzi bassi e con una qualità soddisfacente, ovvero il recapito della corrispondenza. E’ questo il commento di Federconsumatori e Adusbef al Piano di riorganizzazione inviato da Poste Italiane all’Agcom nel quale si prevede la chiusura di 1156 strutture considerate anti-economiche. Si tratta, per lo più, di uffici situati in piccoli comuni. Secondo le Associazioni, la scelta di Poste è in controtendenza rispetto all’aumento del 20% sul costo dei bollettiFederconsumatori e Adusbef chiedono, perciò, che le Poste recedano da questa iniziativa e propongono un confronto immediato sulla materia del servizio universale e sui costi dei servizi postali.

Comments are closed.