Depositattivo, Bcc Roma corregge informazioni ingannevoli

La Banca di Credito Cooperativo di Roma corregge le informazioni ingannevoli sul tasso di interesse applicato sul Conto Depositattivo.

A segnalare il depliant informativo fuorviante era stata Altroconsumo che contestava l’annuncio del tasso di interesse fino al 3% lordo al crescere della somma depositata (ottenibile invece soltanto per somme pari o superiori a 150mila euro e solo per scaglioni superiori a 40mila euro) e l’obbligo di sottoscrivere una polizza vita che non era gratuita, come lasciavano intendere il depliant, i foglietti informativi e le notizie diffuse attraverso il sito ufficiale dell’istituto di credito. Mancavano anche le specifiche al premio unico di 5mila euro e al caricamento pari all’1,75% del premio versato. 

Con 7 mesi di ritardo, e dopo l’apertura di un procedimento da parte dell’Antitrust, un’istruttoria della Banca d’Italia e il blocco della diffusione del materiale informativo da parte dell’Isvap, la BCC di Roma ha modificato le informazioni. Il tasso d’interesse da applicare verrà riconosciuto su tutto il denaro depositato e non sullo scaglione. Cioè: chi ha versato 150mila euro, pagherà il 3% sull’intera somma e non su 110mila euro, com’era previsto sul foglietto pubblicitario.

Ma queste tassazioni sono promozionali: dal 30 aprile 2012 ce ne sarà una sola, allo 0,5% lordo. Ci sarà anche la possibilità di recedere dalle polizze vita stipulate assieme al conto, senza alcuna penalizzazione. La Banca di Credito Cooperativo di Roma si impegnerà a rimborsare i caricamenti sul premio versato: pari all’1,75% di 5000 euro, dunque 87,5 euro.

Comments are closed.