Furto dal conto postale, Confconsumatori: Poste rimborsa

Il conto postale riportava prelievi e ricariche a carte postepay fatti da Torino. Ma a Torino lui non c’era mai stato. È quanto accaduto a un cittadino di Prato vittima di furto sul conto postale che, assistito da Confconsumatori, si è visto restituire i soldi in breve tempo da Poste Italiane.Il consumatore si era ritrovato prelievi e ricariche a carte postepay che non aveva mai effettuato. L’intervento dell’associazione si è reso necessario perché Poste aveva inizialmente risposto al reclamo affermando la regolarità  e la corretta funzionalità del sistema di protezione e negando la restituzione dei soldi. Dopo l’intervento dei legali Confconsumatori, il cliente ha invece ottenuto indietro i risparmi in breve tempo. Spiega il presidente provinciale della Confconsumatori di Prato, Marco Migliorati: “Sono molto soddisfatto della restituzione così rapida delle somme dovute da parte di Poste Italiane che, alla fine, ha riconosciuto l’evidenza dei fatti accaduti e  conferma ancora una volta l’ottimo lavoro svolto dai nostri legali”.

Comments are closed.