Maltempo febbraio, Anci scrive a Catricalà: risorse statali insufficienti

Emergenza neve dello scorso febbraio: le risorse statali previste sono insufficienti. Dopo aver denunciato, qualche giorno fa, che a fronte del maltempo e della neve in arrivo potrebbero mancare gli spalaneve, oggi l’Associazione nazionale comuni italiani (Anci) torna a sollevare il problema della scarsità dei fondi in una lettera inviata al Sottosegretario Antonio Catricalà.

“Durante l’incontro che l’Anci aveva avuto con il Governo lo scorso 9 febbraio sull’emergenza neve conseguente agli eventi atmosferici dei giorni precedenti, le Autorità presenti avevano assunto l’impegno a farsi carico delle spese straordinarie sostenute dai Comuni per fronteggiare l’emergenza e di prevedere l’esclusione delle stesse dal patto di stabilità. Ad oggi le risorse statali previste, per un ammontare complessivo non superiore ai 15 milioni di euro, sono assolutamente insufficienti”: è quanto denuncia nella lettera Graziano Delrio, presidente dell’Anci.

Dopo aver segnalato al Sottosegretario che ‘’il lavoro di riclassificazione delle voci di spesa realizzato dall’Anci in sede di Conferenza Stato-Città ed Autonomie locali, insieme al Dipartimento della protezione civile e con la partecipazione anche del Ministero dell’Economia e delle Finanze e degli altri Ministeri interessati, ha mostrato che le spese ammontano a complessivi 201 milioni di euro”, Delrio sottolinea che ‘’per il ristoro delle spese sostenute in emergenza dai Comuni e per evitare il perdurare del mancato pagamento delle spese sostenute dalle imprese ingaggiate secondo le procedure di protezione civile, l’Anci ha presentato anche un emendamento alla Legge di stabilità in discussione al Parlamento”.

 

Comments are closed.