Osservatorio, Bankitalia: i prestiti torneranno a crescere alla fine del 2012

I prestiti sono finanziamenti molti richiesti dai consumatori in quanto risultano molto versatili e possono essere utilizzati per gestire svariate necessità. Gli istituti hanno predisposto un gran numero di offerte di credito per andare incontro alle esigenze dei consumatori. Per trovare quella più adeguata alle nostre necessità possiamo mettere i prestiti più competitivi a confronto, selezionando quello più mirato per le nostre necessità.

 

I prestiti torneranno a crescere anche se il livello di indebitamento degli italiani non è allarmante. Il rapporto sulla stabilità finanziaria emesso da Bankitalia non ha tracciato un quadro così negativo come ci si sarebbe potuti aspettare. Secondo l’analisi dell’istituto le famiglie italiane e i loro conti in banca hanno inevitabilmente risentito della recessione in atto, portando quindi ad una diminuzione della ricchezza. Ma la nota positiva sottolineata da Bankitalia è quella relativa a un indebitamento delle famiglie italiane, rimasto pressoché stabile.

 

In base a quanto dichiarato da Bankitalia, nei primi nove mesi del 2011, nonostante la ricchezza netta delle famiglie italiane abbia subito un forte calo, il livello di indebitamento finanziario è invece rimasto basso, in particolare se confrontato con quello degli altri paesi europei. A favorire una simile situazione, sono intervenuti sicuramente i tassi d’ interesse abbastanza contenuti sui mutui e la tenuta dei prezzi degli immobili.

 

Ma a rendere ancora più interessante e anche in parte confortante il rapporto di Bankitalia sono intervenuti i prestiti: questi infatti, in base a quanto affermato dal rapporto, riprenderanno a crescere alla fine del 2012, lasciando quindi che passi il tempo necessario perchè i fondi ottenuti dalla Bce contribuiscano in maniera positiva all’economia. Resta tuttavia abbastanza debole la domanda, dato che si spiega con un forte calo dell’occupazione che sta attanagliando l’Italia in questo momento.

 

 

 

La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito SuperMoney.eu

 

 

Comments are closed.