Prestiti per auto usate, inchiesta Quattroruote: meglio quelli delle concessionarie?

Sono sempre di più in Italia gli automobilisti che chiedono un prestito per acquistare un’auto usata: secondo l’Assofin (Associazione italiana del credito al consumo e immobiliare) nei primi 9 mesi del 2015 l’erogazione è stata di oltre 1,86 miliardi di euro. Quali sono le condizioni di questi finanziamenti? Sono meglio quelli offerti dai concessionari o dalle banche? Quattroruote ha condotto un’inchiesta su questo ed è arrivata ad una conclusione più che interessante: in 8 casi su 12 le migliori condizioni offerte dalle società specializzate sono risultate più convenienti di quelle proposte dalle case automobilistiche.L’inchiesta, pubblicata nel nuovo numero di Quattroruote in edicola da domani, 23 dicembre, prende in rassegna le varie opzioni in cui un potenziale acquirente, alla ricerca di un finanziamento di 5, 10 o 15 mila euro, s’imbatte, sollevando un dubbio frequente: meglio accettare le proposte delle concessionarie o rivolgersi a banche e finanziarie?

I risultati sono sorprendenti: in 8 casi su 12 le migliori condizioni offerte dalle società specializzate sono risultate più convenienti di quelle proposte dalle case automobilistiche. Per i 5 e 10 mila euro, da rimborsare in 36 mesi, è stata Santander Consumer Bank a offrire il Taeg migliore (6,91 e 6,75%). Salendo a 15 mila euro (da rimborsare in 48 mesi) i risultati, invece, cambiano perché le tre concessionarie interpellate (delle reti BMW, Mercedes-Benz e Volvo) si sono dimostrate più vantaggiose rispetto a banche e finanziarie.

Il gap registrato viene motivato dalla difficoltà di ottenere presso le concessionarie una semplice erogazione del finanziamento: sono molti, infatti, i servizi accessori che vengono compresi nelle proposte, causando un aumento considerevole del Taeg. È quanto verificato dagli inviati della rivista nelle reti Peugeot, Renault, Opel, Nissan e Mercedes-Benz. Nessuna condizione particolare, invece, alla Toyota, alla Volkswagen, alla BMW e alla Volvo.

Comments are closed.