Fonsai, Confconsumatori: ancora tempo per costituirsi nel processo di Milano

Gli azionisti di Fondiaria Sai, Milano Assicurazioni e Premafin possono ancora costituirsi parte civile nel troncone milanese del processo per ottenere il risarcimento dei danni subiti a seguito dei reati di aggiotaggio e falso in bilancio in relazione a FondiariaSai. Si tratta di un danno di 300 milioni di euro, come ricorda Confconsumatori che si è costituita come parte civile, insieme ai propri associati, in entrambi i procedimenti penali: quello di Torino, già entrato in fase dibattimentale, e quello di Milano, rispetto al quale è in corso l’udienza preliminare. 

Nell’ottobre 2012, le Procure di Milano e di Torino avevano dato il via a una maxi inchiesta in occasione della fusione Unipol – Fonsai per le condotte di aggiotaggio, falso in bilancio e ostacolo agli organi di vigilanza che coinvolgono la compagnia assicurativa Fondiaria Sai, anche attraverso la Holding Premafin. I fatti contestati dagli investigatori riguardano l’occultamento al mercato di un “buco” nella riserva sinistri di circa 600 milioni di euro, la cui mancata comunicazione avrebbe provocato danni ad almeno 12mila risparmiatori, la cui perdita è stimata complessivamente sui 300 milioni. Di contro, un escamotage di bilancio avrebbe, invece, permesso alla famiglia Ligresti di intascare illecitamente dividendi per oltre 200 milioni. Nell’estate 2013 i membri della famiglia Ligresti sono stati arrestati dalla Guardia di Finanza di Torino e a dicembre si è tenuta la prima udienza del processo contro gli ex amministratori di Fondiaria Sai.

Confconsumatori si è costituita come parte civile, insieme ai propri associati, nei processi di Torino, già entrato in fase dibattimentale, e di Milano, rispetto al quale è in corso l’udienza preliminare. Il filone processuale milanese è a carico di Paolo Ligresti insieme a Pier Giorgio Bedogni (già dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili di Fonsai) e Fulvio Gismondi (attuario della compagnia assicurativa) oltre alla stessa Fondiaria-Sai. Nei giorni scorsi sono state presentate le eccezioni sulle nuove costituzioni di parte civile: il G.u.p. Andrea Ghinetti scioglierà la riserva all’udienza del 14 maggio, poi si attenderà il rinvio a giudizio. Gli azionisti danneggiati che desiderano costituirsi parte civile potranno farlo fino a quando verrà fissata la prima udienza dibattimentale.

Confconsumatori sta rappresentando diversi cittadini – investitori che avevano investito in titoli Fondiaria Sai, Premafin e Milano Assicurazioni e che hanno subito un danno dalle azioni criminose oggetto di indagine. Gli interessati possono rivolgersi alle sedi di Confconsumatori:

CONFCONSUMATORI MILANOVia De Amicis 17 (lombardia@confconsumatori.it o milano@confconsumatori.it)

CONFCONSUMATORI TORINO, Corso Francia 273 (confconstorino@yahoo.it)

Comments are closed.