Sovraindebitamento del consumatore, un’occasione persa

Dopo un lungo e travagliato iter, il decreto sulla riforma della giustizia civile (D.L. n. 212/2011) è stato approvato definitivamente dal Senato nei giorni scorsi.Il provvedimento che approderà in Gazzetta Ufficiale, però, è profondamente diverso da quello originario: nel corso della discussione in Parlamento si è persa tutta la parte relativa alla composizione delle crisi da sovraindebitamento.Se le misure relative alle crisi delle piccole imprese sono state  convertite in legge autonomamente (con la L. n. 3/2012, “Legge Centaro”),  quelle relative al sovraindebitamento del consumatore, invece, sono state oggetto di un emendamento del Governo e poi cancellate durante la discussione alla Camera. Un’occasione persa anche se, come riporta oggi Investireoggi.it, l’intenzione del Governo sembra quella di far confluire la procedura per i consumatori, in un nuovo disegno di legge, di cui per ora non si sa né quando, né come. Non si comprende appieno il perché di questo stralcio, anche se il governo ha rassicurato che sarà un successivo disegno di legge ad occuparsi unicamente della procedura di ristrutturazione dei debiti per i consumatori, ma anche in tal caso non è dato sapere né quando, né come.

Comments are closed.