Spending review, le criticità del piano Cottarelli secondo i Consumatori

“Apprezziamo e condividiamo la filosofia di fondo del piano di tagli a sprechi e privilegi, per ricavare risorse utili al rilancio del potere di acquisto delle famiglie a reddito fisso ed alla ripresa economica”. Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, presidenti di Federconsumatori e Adusbef commentano con queste parole il piano presentato dal commissario Carlo Cottarelli che prevede risparmi pari a 7 miliardi nel 2014, 18,1 nel 2015 e 33,9 nel 2016. Tuttavia, l’Associazione, che sta analizzando voce per voce i tagli, ha  individuato alcune criticità che riguardano soprattutto:L’illuminazione delle città. “Siamo i primi a batterci per il risparmio e l’efficienza energetica, ma non a discapito dell’incolumità dei cittadini. Città illuminate in maniera adeguata sono sinonimo di sicurezza” sostengono Federconsumatori e Adusbef.

I tagli ai trasferimenti per i trasporti dovranno – aggiungono –  essere modulati e ragionati in maniera intelligente: “A farne le spese non dovranno essere in nessun caso i cittadini, soprattutto i pendolari, che già fruiscono di un servizio in molti casi indegno di questo nome” scrivono Trefiletti e Lannutti.

L’eliminazione della polizia postale. “Non dimentichiamo che tale corpo svolge un ruolo fondamentale per quanto riguarda le truffe online ed il contrasto alla pedopornografia ed al cyberbullismo. In un’era come la nostra, sempre più condizionata dall’influenza e dal ruolo delle tecnologie della comunicazione, tagliare le forze dell’ordine preposte al controllo in questo campo risulta assurdo e pericoloso” concludono le Associazioni.

Comments are closed.