Codici: case vacanze, sconti fino al 39%

Gli italiani non rinunciano alle vacanze ma le fanno low cost. Cercano offerte promozionali, controllano online, decidono all’ultimo minuto sulla base della disponibilità economica e degli sconti degli operatori. I quali, a loro volta, per scongiurare il rischio di appartamenti sfitti, stanno abbassando i prezzi delle case vacanza, con promozioni che possono arrivare anche al 39%. È quanto ha scoperto Codici monitorando la situazione delle case vacanze presenti online.

La tendenza è stata segnalata anche da Immobiliare.it, che ha registrato offerte dell’ultimo minuto per contrastare il calo delle prenotazioni anche in mete turistiche quali la Costa Smeralda. Codici evidenzia che gli operatori turistici, per rimediare al pericolo di appartamenti sfitti e alberghi semivuoti, stanno lanciando continue offerte promozionali e pacchetti last minute, proponendo sconti che vanno anche fino al 39% rispetto al prezzo iniziale.

L’Osservatorio Prezzi dell’associazione a giugno aveva  monitorato la situazione delle offerte delle case vacanze presenti online, registrando, in maniera puramente descrittiva e non esaustiva, i prezzi settimanali nei diversi periodi. Le Regioni prese in considerazione erano il Lazio, la Liguria, la Toscana, la Puglia, la Campania, la Sicilia e la Sardegna.  Ci sono state variazioni? Ebbene sì, specialmente nella settimana di Ferragosto, di norma quella più cara, nella quale sono aumentate le occasioni e le soluzioni low cost.

Spiega Codici: “Non è raro  trovare nei siti internet, accanto al prezzo iniziale che compariva appena due mesi fa, i nuovi prezzi, più accessibili per chi deve fare i conti con la crisi ma non vorrebbe rinunciare totalmente alle vacanze. Gli sconti vanno da un minimo di un 10%, che portano magari ad un risparmio di 100 euro, fino anche al 39%, come ad esempio il caso particolare di un appartamento in Puglia, a Villa Castro, che da 1040 euro a settimana passa ad un costo di 630 euro. La situazione è riscontrabile un po’ in tutte le Regioni prese in considerazione, nelle quali i prezzi sono spesso calati di un minimo di 70-100 euro a un massimo di circa 400 euro”.

Così sul litorale laziale ci sono appartamenti passati da 500 a 400 euro; all’Isola d’Elba si promettono ribassi del 33%; a San Foca (Lecce), un appartamento che prima costava 1000 euro settimanali, ora abbassa il suo prezzo del 25%, arrivando alla tariffa di 750 euro.

Tutto bene ma attenzione ai possibili inganni, commenta il segretario nazionale Codici Ivano Giacomelli: “La presenza delle offerte low cost è sicuramente un fattore positivo ma è bene che i consumatori ricordino anche di usare sempre il buon senso: su internet, le occasioni che sembrano troppo convenienti potrebbero nascondere delle trappole. È meglio non fidarsi ciecamente. Inoltre, consigliamo di cercare sempre più informazioni possibili sulla casa da affittare e sul venditore, per non incorrere in spiacevoli sorprese”.

 

Comments are closed.