Egitto, Cittadinanzattiva: denunciare comportamenti scorretti dei Tour Operator

Rimborso o non rimborso? I cittadini che quest’estate hanno avuto problemi con la propria vacanza, avendo scelto come meta l’Egitto, sono ancora alle prese con informazioni poco chiare e comportamenti scorretti da parte dei Tour Operator che violano il Codice del Turismo. Tante le segnalazioni arrivate al servizio PiT di Cittadinanzattiva. “Chiediamo che si faccia chiarezza e che le associazioni di categoria e le Autorità preposte intervengano per porre fine a queste richieste indebite. Denunceremo i Tour Operator e le Agenzie di viaggio che chiedono spese indebite ai consumatori”.

Queste le dichiarazione di Tina Napoli, responsabile delle politiche dei consumatori di Cittadinanzattiva che aggiunge: “Nonostante il Codice del Turismo preveda che in caso di forza maggiore il turista abbia diritto di usufruire di un viaggio alternativo di valore equivalente senza alcun costo aggiuntivo, o, in caso di rinuncia, di ricevere indietro le intere somme versate, dalle segnalazioni giunte emerge che i Tour Operator chiedono ai cittadini spese non dovute. Sono due i problemi più ricorrenti. Il primo è relativo a quando il consumatore ha deciso di rinunciare al viaggio e il Tour Operator anziché restituire l’intera cifra trattiene le quote d’iscrizione ed addebita fantomatiche spese di “gestione pratica” che variano da azienda a azienda, e che arrivano anche a richieste di 800 euro per famiglie di 5 persone. Il secondo è relativo ai casi in cui il Tour Operator non ha revocato il viaggio, neanche all’indomani dello sconsiglio del Ministero degli Esteri, e oltre a trattenere le quote già versate chiede il versamento di altre cifre a titolo di penale ai consumatori. Si parla di richieste, applicate anche a bambini di cinque anni, che si aggirano intorno ai 500 euro.

“Consigliamo ai cittadini – conclude Napoli – di contestare le richieste indebite e di mettere in mora il Tour Operator che non restituisca le cifre dovute. Ricordiamo, inoltre, che sul nostro sito www.cittadinanzattiva.it è presente una sezione di tutela con tanti consigli utili per evitare di essere vittima di abusi o difendersi in caso di richieste illecite.”

Comments are closed.