Reputation Manager: ecco come proteggere la propria web reputation in vacanza

La love story online è probabilmente una truffa. I post “scomodi” dell’abbuffata di pesce al mare potrebbero non essere graditi al capoufficio, e comunque rischiano di restituire di sé un’immagine sgradita o non ideale per il proprio lavoro. Il viaggio premio o la vincita straordinaria annunciati online sono davvero troppo belli per essere veri. E nonostante tutti adorino le foto dei bambini in costume al mare, meglio prestare grandissima attenzione nel postarle, anzi meglio evitare del tutto. Una volta la principale preoccupazione prima della partenza per una vacanza poteva essere quella di aver chiuso casa, o l’acqua, o il gas. Ora se ne aggiunge un’altra: quella di tutelarsi online e sui social network, di difendere i propri dati dall’incursione di chi potrebbe violarli e rubarli, e di proteggere la propria web reputation anche in vacanza.

A questo riguardo arriva in aiuto un decalogo approntato da Reputation Manager, istituto italiano che si occupa di analisi e misurazione della reputazione online dei brand e delle figure di rilievo pubblico, che ha stilato una lista di 10 regole per aiutare gli internauti a muoversi in tutta sicurezza nel panorama virtuale e nel mondo social. Spiegano dalla società: “Internet, ma soprattutto i social network spesso danno la sensazione all’utente di non riuscire a tenere sotto controllo tutti i pericoli che potrebbero colpire la propria web reputation (violazione della privacy, furto dati o virus informatici, condivisione di contenuti priva di filtri), soprattutto in estate, in vacanza, quando si abbassano le soglie di attenzione e si è portati a condividere qualsiasi avvenimento sui social”.

Ecco dunque, di seguito, lo speciale decalogo approntato dall’istituto per difendere la propria reputazione online anche in vacanza.

Attenzione alle aree free Wi-Fi

Quante volte capita di viaggiare e di connettersi a hotspot free Wi-Fi? In una zona di free Wi-Fi, tutti gli altri computer collegati all’hotspot avranno la possibilità di visionare i file condivisi. Disconnettersi sempre, soprattutto se ci si trova in aeroporti, hotel o stazioni. Occhi aperti anche sui termini di privacy che di solito appaiono sempre prima di collegarsi ad un’area di free Wi-Fi e a dare il consenso al trattamento dei dati personali, per evitare di ritrovarsi la mail piena di spam o il telefono rallentato da fastidiosi messaggi pubblicitari.

Attenzione alla geolocalizzazione

Se si è amanti della riservatezza e si vuole godere del relax vacanziero senza il rischio di incontrare un collega di lavoro anche in viaggio, è necessario disattivare sempre le opzioni di geo-localizzazione di smartphone e tablet, oltre a quelle dei social network eventualmente utilizzate. Togliendo questa funzione, ci si potrà non solo godere la vacanza indisturbati, ma anche essere irraggiungibili da fastidiosi messaggi pubblicitari geo-localizzati.

Viaggiare leggero con KeepSafe Photo Vault

Ci sono molti motivi per voler mantenere “private” foto o video all’interno della galleria fotografica dello smartphone o del tablet. Durante i viaggi capita spesso di salvare tramite una foto il biglietto aereo con il gate d’imbarco o memorizzare, con uno screenshot, il nome dell’hotel dove si alloggerà. Oggi con l’app KeepSafe Photo Vault è possibile mantenere segreti tutti quei file che si ritengono particolarmente sensibili. Si avrà infatti, la possibilità di scegliere, all’interno del proprio rullino, le foto e i video da mantenere segreti.

Nascondere post “scomodi”

Se non si vuole che il capoufficio visualizzi su Facebook le foto “disinibite” delle serate estive, oggi Facebook dà la possibilità di decidere chi può vedere i contenuti condivisi. Esistono infatti 5 livelli di visibilità: “Tutti” (i post risultano visibili davvero a tutti, amici e non), “amici”, “Amici tranne…” (i post risultano visibili a tutti i tuoi amici tranne a quelli che non vuoi) “Amici specifici” (i post risultano visibili solo ed esclusivamente agli amici selezionati) e “Solo io”.

Attenzione a condividere attraverso i social network dati sensibili

Postando sui social network che si è in vacanza si potrebbe far sapere a eventuali rapinatori che la propria casa è vuota. Se poi si scrive anche per quanto tempo si resterà in viaggio o dove si è diretti, il pericolo potrebbe aumentare.

Attenzione alle love stories online

Con l’estate, si sa, arrivano le avventure romantiche. Se si viene contattati in chat da utenti affascinanti magari non si sta vivendo un romantico film di Hollywood, ma probabilmente una romance scam, o truffa romantica online. Inizia tutto con una corrispondenza piacevole tramite Instant Messenger o Skype e si finisce con false richieste di aiuto, dove il “social seduttore” in questione pretende qualche milione di euro per risolvere situazioni ambigue.

Attenzione a postare sui social le foto di minori

Evitare di postare sui social foto di minori. Rendere pubbliche sul web le immagini dei propri bambini al mare in costume da bagno è un atto da non sottovalutare. Si possono raggiungere un numero di persone, conosciute e non, molto ampio, non sempre con buone intenzioni. Anche individui non direttamente connessi con i propri profili social possono avere accesso alle foto e utilizzarle per un uso improprio. Non bisogna dimenticare le potenzialità dello screenshot.

Ho vinto un viaggio premio!

Attenzione a tutte quelle offerte davvero troppo belle per essere vere che offrono sconti straordinari sui viaggi o affitti super convenienti di case per le vacanze. Generalmente per ottenerli però bisogna compiere operazioni “pericolose” come ad esempio fornire i propri dati personali o bancari tramite social network, e-mail, sms o sistemi di messaggistica. Virus informatici o software spia possono essere in agguato.

Inserire e-mail Alerts

L’e-mail alerts avverte ogni volta che si entra sui propri account social da un diverso device per la prima volta, con un messaggio di verifica all’indirizzo di posta elettronica privato. In questo modo si può verificare che non sia stato nessun altro ad aver effettuato il login. In caso contrario può essere un avvertimento davvero molto utile.

Attivare sistemi per evitare il furto dati

Esistono delle soluzioni che sembrano scontate, ma non lo sono affatto, per evitare il furto dei dati e la conseguente violazione della privacy. Ad esempio un’ottima precauzione, è quella di installare software e programmi anti virus. Mantenere inoltre sempre aggiornati i sistemi operativi di tutti i dispositivi utilizzati per garantire una maggiore protezione.

Comments are closed.