Natale, Confesercenti: quest’anno mini-vacanze con budget di 250 euro

Come saranno quest’anno le vancanze di Natale e Capodanno? Saranno delle mini-vacanze, un po’ come quelle di Pasqua: budget di spesa di 250 euro o anche meno per il 42%, (l’anno scorso era il 25%) e solo weekend fuori porta per tanti. Lo rivelano i dati del sondaggio Confesercenti-SWG, secondo il quale quest’anno i viaggiatori saranno 9,5 milioni di persone, il 2% in meno sul 2012. Il 36% di chi non partirà (cioè 13,6 milioni di persone) dichiara di essere ostacolato dalla situazione economica: dato in calo rispetto al 39% dell’anno scorso.

Tra chi viaggia, si registra una diminuzione della spesa media (694 euro, il 9% in meno rispetto al 2012) e un aumento della durata media della permanenza, che passa da 6 a 7 giorni, grazie alla crescita dei i vacanzieri che resteranno fuori solo due giorni (+7%). Aumenta anche la quota di chi passerà fuori più di 8 giorni (28% contro il 21% del 2012); diminuiscono, invece, quelli che stanno fuori tra i 3 e i 5 giorni (51% contro il 57% del 2012).

Il viaggiatore quest’anno è sempre più giovane: quasi la metà di chi partirà ha meno di 34 anni. Per quanto riguarda le aspettative, il 47% dei viaggiatori indica “riposo e relax”. In calo quelli che cercano divertimento ed evasione (dal 31 al 28%), mentre raddoppiano i vacanzieri orientati verso l’arricchimento culturale, che saranno il 17% (+9% sul 2012).

Primo posto quindi per le città d’arte; secondo per la montagna che soffre l’inverno ‘ritardato’; in terza posizione la vacanza in campagna, in albergo o agriturismo, che raccoglie il 12% di preferenze (nel 2012 erano il 6%); al quarto posto il mare (indicato dall’11%, come nel 2012), seguito dalle terme; infine ci sono i viaggi all’insegna dello sport, che comunque aumentano dall’1% al 5%, e quelli sportivi (2%).

Il 59% di chi andrà in vacanza alloggerà in casa: il 18% (+3% rispetto a 2012) in una seconda abitazione di proprietà, il 41% (+6% sullo scorso anno), invece, sarà ospite di amici o parenti. I vacanzieri da albergo sono il 28%, mentre si assiste a una ripresina di campeggi, villaggi, agriturismi e altre strutture all’aria aperta.

I viaggi si prenotano sempre di più online: quest’anno, tra chi ha indicato di andare in vacanza nel periodo delle feste, ben il 41% ha detto di aver pianificato la propria vacanza da internet o telefono, il 7% in più dello scorso anno.

Scende la percentuale di viaggiatori che opta per i viaggi organizzati, quest’anno al 7% contro il 13% dello scorso anno. Stesso calo – dal 13 al 7% –  ma più sorprendente, per i viaggiatori last-minute: le vacanze all’ultimo secondo sembrano aver perso il loro appeal in favore del viaggio più pianificato.

Il 66% dei vacanzieri ha indicato una destinazione in Italia (– 5% rispetto allo scorso anno); il 24% sceglie mete in Europa; crescono anche Medio Oriente (dall’1 al 3%), Estremo oriente (dal 2 al 3%) e Africa (dall’1% al 3%). Cala chi sceglie il Nord America (la quota passa dal 2 all’1%), mentre rimane stabile il Sud America, che raccoglie l’1% dei viaggiatori.

Comments are closed.