Osservatorio: vacanze sicure, tutti i motivi per scegliere un’assicurazione viaggio

Anche se la crisi riduce per molti le possibilità  di godersi le ferie con una bella vacanza, sia perché alcuni non partiranno, sia perché si resterà fuori per meno tempo, c’è una spesa alla quale conviene non rinunciare in caso di viaggio: quella per l’assicurazione.  Ma per capire quale tipo di polizza abbiamo bisogno, è utile mettere le migliori assicurazioni a confronto per essere sicuri di fare la scelta giusta.

Un’altra mossa conveniente è anche controllare quali sono le condizioni del traffico, soprattutto se dobbiamo fare un viaggio lungo. Ed è proprio per venire incontro agli automobilisti, che siano in macchina per motivi di lavoro o piacere, che Autostrade per l’Italia offre l’assistenza riguardante la situazione del traffico.

Fra tutte le polizze, le assicurazioni viaggio sono quelle che costano meno – sicuramente perché la copertura è limitata al solo periodo della vacanza – ma tutelano da spiacevoli imprevisti in momenti in cui non vorremmo mai essere disturbati. Il mercato offre diverse soluzioni, per ogni tipo di viaggio e di viaggiatore, alcune delle quali caldamente consigliate a seconda della destinazione. In genere, non si spende mai più di 100 euro per stipularne una.

Le più diffuse, e le più richieste, sono quelle che offrono la copertura per le spese mediche e quelle di responsabilità  civile. Le prime garantiscono di non dover spendere una fortuna nel caso in cui si avesse bisogno di un intervento medico al di fuori dell’Ue (come negli Stati Uniti per esempio), oppure assicurano l’accesso alle cure secondo gli standard europei laddove invece la sanità normale lascia a desiderare (come in Africa o in India).

Quelle di responsabilità civile, esattamente come avviene per le auto, tutelano nel caso in cui si arrechino danni a terzi durante il soggiorno all’estero. A queste, si aggiungono le polizze per il furto e lo smarrimento del bagaglio, spesso incluse –  con un supplemento extra – al volo, oppure offerte dalla carta di credito con cui si fanno acquisti nel Paese straniero.

Come per tutti i contratti di assicurazione, anche in questo caso è bene leggere con molta attenzione tutte le clausole. In particolare, è necessario controllare bene quelle relative ai massimali, ovvero al rimborso massimo concesso dalle compagnie; alle franchigie, ovvero ai limiti entro i quali l’assicurazione non rimborsa nulla; e ai casi coperti dalla polizza, per non incorrere in brutte sorprese.

La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito SuperMoney.eu

Comments are closed.