Pasqua, UNC ricorda come difendersi in vacanza

Che sia una meta esotica o una semplice gita fuori porta, bisogna rispettare i diritti di chi va in vacanza e attrezzarsi per difendersi da eventuali disguidi o disservizi: è quanto ricorda l’Unione Nazionale Consumatori in vista delle partenze (per chi può) di Pasqua.

“Aeroporti e stazioni saranno presi d’assalto –  afferma il segretario generale UNC Massimiliano Dona – e purtroppo, come di consueto, al rientro giungeranno ai nostri sportelli le proteste di consumatori che denunciano voli cancellati all’ultimo momento, lunghe attese senza assistenza e valigie smarrite o giunte a destinazione con giorni di ritardo. E’ bene dunque che i passeggeri sappiano che in caso di cancellazione del volo, si ha diritto al rimborso del prezzo del biglietto oppure, in alternativa, ad un volo sostitutivo. Inoltre, durante l’attesa, la compagnia aerea deve offrire opportuna assistenza: pasti e bevande, adeguata sistemazione in albergo, trasferimento dall’aeroporto al luogo di sistemazione. Per i turisti che partiranno con un pacchetto ‘tutto compreso’, invece – aggiunge – è buona regola conservare una copia del contratto, del catalogo e di tutti gli altri materiali forniti dall’agenzia; se si acquista anche un’assicurazione è preferibile verificare franchigie o spese non rimborsabili”.

In caso di difformità e disservizi nel luogo di vacanza è importante documentare tutti i disagi tramite fotografie e filmati che saranno fondamentali per ottenere un risarcimento; il reclamo va formalizzato già sul posto (se possibile via email) e comunque entro 10 giorni lavorativi dal rientro, con richiesta di rimborso a mezzo lettera raccomandata a.r. da indirizzare all’agenzia di viaggi e al tour operator.

Comments are closed.