Ponti 25 aprile e 1°maggio, calo per agriturismi (-15%)

L’occasione era invitante per gli amanti di viaggi e vacanze (e chi non lo è). Peccato per il portafogli. Il bilancio (ancora non definitivo) dei due ponti ravvicinati, del 25 Aprile e del 1° Maggio, non è buono per niente. Dopo il calo dell’11,2% stimato da Federalberghi per il primo ponte, arrivano a sorpresa numeri negativi anche per gli agriturismi che negli ultimi anni sono diventati meta preferita di tanti turisti. Il calo di ospiti registrato è del 15% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, ancora più negativo del risultato di Pasqua (-10%).

Salvo significativi recuperi dell’ultimo minuto, le previsioni per il Primo Maggio sono più negative, tenendo anche conto del fatto che questa festività cade a metà settimana. E’ il risultato di una analisi dell’Osservatorio Statistico di Agriturist (organizzazione di settore della Confagricoltura), basata su un sondaggio telefonico rivolto a 50 aziende “campione” distribuite in tutta Italia e sulla frequentazione del sito internet www.agriturist.it . Le conclusioni di Agriturist concordano appunto con l’allarme lanciato da Federalberghi (-11,3% di italiani in vacanza per il ponte del 25 aprile), pur evidenziando che gli agriturismi contengono i “danni” nei limiti del 15% mentre gli alberghi sono “sotto” addirittura del 21%. E concordano con gli esiti di un costante monitoraggio del traffico autostradale che, fra il 24 e il 28 aprile, è stato sostanzialmente quello di un normale fine settimana.

“E’ interessante notare – si legge in una nota di Agriturist – che il sito www.agriturist.it ha registrato, per il ponte del 25 aprile 2013 (dal 15 al 24 aprile), il 27,9% di visite rispetto alla scorsa Pasqua; nello stesso periodo del 2012, questo rapporto si attestava al 54,1%, cioè il doppio. E nella settimana precedente il Primo Maggio, le visite alla pagina di www.agriturist.it dedicata alle offerte del periodo sono diminuite del 24% rispetto allo scorso anno”. Agriturist critica le notizie circolate nei giorni scorsi “di un presunto boom dell’agriturismo con, addirittura, un raddoppio degli ospiti rispetto allo scorso anno”. Si tratta di dati assolutamente distanti dalla realtà.

“Si è perfino “contato” mezzo milione di camper e caravan di italiani in viaggio durante i ponti di primavera, per 1,2 milioni di ospiti. In effetti – puntualizza Agriturist – gli ospiti italiani del periodo, nelle strutture turistiche complementari (campeggi, villaggi turistici, agriturismi, case in affitto, rifugi, ecc.), sono circa 600 mila (elaborazione Agriturist su dati Istat). E’ dunque ragionevole stimare  che, per i ponti del 25 Aprile e del Primo Maggio 2013, i viaggiatori con camper e caravan non siano più di 200 mila”. Lascia inoltre perplessi la confusione che alcuni “osservatori” fanno fra ospiti (arrivi), presenze (pernottamenti) e visitatori giornalieri (per la sola ristorazione), sciorinando numeri incomprensibili e contraddittori. In particolare  – osserva Agriturist – per i ponti del 25 aprile e del Primo Maggio 2013, la stima delle presenze va ulteriormente ridimensionata (rispetto a quella di diminuzione degli ospiti) vista la generalizzata abbreviazione della durata dei soggiorni, che spesso si limitano una sola notte.

La crisi del turismo  – conclude l’Associazione agrituristica di Confagricoltura – va analizzata sulla base di dati attendibili, e decisamente contrastata con provvedimenti che, combattendo evasione fiscale, corruzione e sprechi (non meno di 200 miliardi l’anno), consentano di ridurre le tasse per famiglie e imprese. Il nuovo Governo dovrà immediatamente intervenire in questo senso, adottando al contempo efficaci politiche di promozione turistica dell’Italia verso i mercati internazionali.

Comments are closed.