Multe agli automobilisti, Contribuenti.it: in Italia +1487% in 10 anni, a Milano e Napoli una multa ogni 10 secondi

Negli ultimi 10 anni in Italia c’è stato un aumento del 1487% delle multe automobilistiche, l’incremento più alto d’Europa. I cittadini più multati non sono al Sud, come ci si sarebbe aspettato, ma al Nord, in particolare al Nord Est dove si è registrato un aumento del 1510%. Al Centro il dato è di 1498% e al Sud e nelle isole scende (si fa per dire) a 1321%.

Le città più multate sono Milano e Napoli, dove viene elevata una multa ogni 10 secondi. A Roma non va meglio: la capitale, insieme a Torino e Venezia, ha una frequenza di multe ogni 13 secondi. Una multa ogni 14 secondi a Genova, Firenze e Bari; ogni 15 a Pescara, Bologna, Ancona e Perugia. Chiudono la classifica Potenza, Reggio Calabria Cagliari e Campobasso con 24 secondi.

Sono i dati che emergono da un’indagine condotta da Contribuenti.it su dati raccolti da Lo Sportello del Contribuente dei singoli stati dell’Ue. L’Italia ha quindi il primato europeo per incremento di multe negli ultimi 10 anni; a seguire ci sono Romania e Bulgaria, ma con percentuali molto minori, rispettivamente +331% e +313%. A quarto posto c’è l’Albania con +263%, seguita da Estonia (+236%), Slovacchia (+221%) e Croazia (+185%). Il Paese con gli automobilisti più disciplinati è la Svezia, che occupa l’ultimo posto di questa classifica con un incremento di solo il 20%. Penultima la Germania con +24%, ma anche gli inglesi non se la cavano male (+37%).

“Dai dati è emerso – ha spiegato Vittorio Carlomagno, presidente di Contribuenti.it – che solo due italiani su dieci pagano la multa senza contestazione, mente l’88% impugnano il verbale innanzi al Prefetto o al Giudice di pace”. E questo, “è un altro primato negativo per l’Italia – continua Carlomagno – Gli enti locali per far quadrare i conti debbono tagliare le spese inutili, come le auto blu, anziché puntare su tassazioni occulte”.

Comments are closed.