Ferrovie: firmato Contratto di sviluppo per modernizzare Messina-Catania-Palermo

Collegamenti ferroviari più veloci tra Catania, Palermo e Messina, con il miglioramento dell’accessibilità delle aree interne alla Sicilia e una maggiore efficienza dei nodi ferroviari di Catania e Palermo: questi gli obiettivi del Contratto istituzionale di sviluppo (CIS) per la modernizzazione della direttrice ferroviaria Messina – Catania – Palermo firmato oggi a Palazzo Chigi. Il Contratto interessa 5 macro-interventi per un totale di 14 opere, per le quali, a fronte di un costo complessivo di 5.106,1 milioni di euro, sono disponibili 2.426 milioni di euro.

Il “CIS” per la modernizzazione della direttrice ferroviaria Messina – Catania – Palermo è stato sottoscritto dal Ministro per la Coesione territoriale, Fabrizio Barca, dal Ministro allo Sviluppo Economico, alle Infrastrutture e Trasporti, Corrado Passera, dal Governatore della Regione Sicilia, Rosario Crocetta e dagli amministratori delegati del Gruppo FS Italiane, Mauro Moretti, e di Rete Ferroviaria Italiana, Michele Mario Elia.

Tre i principali risultati previsti dall’intervento: una è la progressiva forte riduzione dei tempi di percorrenza e il miglioramento della frequenza e qualità del servizio fra tre importanti aree metropolitane della Sicilia. Con gli interventi già finanziati e per cui è già deciso il tracciato, avviati i lavori o la progettazione, si ottiene una riduzione complessiva di oltre il 10% dei tempi di percorrenza fra Messina e Palermo. Il contratto intende inoltre migliorare l’accessibilità delle aree interne della Sicilia centrale e della Sicilia meridionale ai grandi centri metropolitani e portare a una maggiore efficienza dei nodi ferroviari di Catania e Palermo.

Comments are closed.