Italo, “gabbia” alla stazione Ostiense di Roma ostacola i passeggeri. Codacons invia esposto all’Antitrust

Una nuova storia paradossale interessa il settore del trasporto ferroviario italiano. A soli due mesi dalla partenza di Italo, il treno lanciato da Ntv di Luca Cordero di Montezemolo, presso la stazione Ostiense è stata costruita una “gabbia”, una cancellata alta 2 metri che separa il centro servizi e la biglietteria dal binario sul quale sosta Italo. ”Sono esterrefatto, perché mentre in Italia si continua tanto a parlare di crescita del Paese, si tollerano senza intervenire ostacoli alla concorrenza come quelli a cui stiamo assistendo”. Lo ha dichiarato ieri Montezemolo, a margine di un convegno di Italiafutura.

“L’assurda gabbia costruita a Ostiense – continua il presidente di Ntv – danneggia i viaggiatori romani e stranieri piu’ che noi, e copre di ridicolo chi parla di vera concorrenza o di liberalizzazioni”. 

E il Codacons ha inviato oggi una segnalazione all’Antitrust in merito alla vicenda, chiedendo all’Autorità di intervenire aprendo una indagine e adottando tutti i provvedimenti ritenuti opportuni.

L’Associazione scrive nell’esposto: “In un momento di grande importanza per la collettività durante il quale si è fatto un importante passo avanti nel processo di liberalizzazione del trasporto, attraverso il superamento del vecchio monopolio delle aziende di Stato e l’avvio del nuovo sistema basato su una pluralità di imprese in concorrenza tra loro, a tutto beneficio dei cittadini che potranno usufruire di servizi più efficienti e competitivi, si assiste alla triste vicenda della “gabbia” ad Ostiense. Un comportamento quello posto in essere da RFI S.p.a. che ben potrebbe rappresentare degli illegittimi ostacoli alla attività imprenditoriale NTV S.p.a. e al processo di liberalizzazione del trasporto ferroviario, tra l’altro favoriti dal fatto che tale processo e’ gestito e regolato da un soggetto, quale Rfi, appartenente al medesimo gruppo societario di Trenitalia, impresa concorrente di Ntv”.

Comments are closed.