Liberalizzare ferrovie europee, Commissione presenta quarto pacchetto di misure

Migliorare la qualità e l’offerta dei servizi ferroviari in Europa per affrontare la crescente domanda di traffico e la necessità di decarbonizzazione. Sono questi gli obiettivi del nuovo pacchetto di misure annunciato oggi dalla Commissione europea che vanno verso una maggiore liberalizzazione dei mercati del trasporto nazionale di passeggeri dell’UE. Prima dell’adozione le proposte dovranno essere approvate dal Parlamento europeo e dagli Stati membri. Attualmente molti mercati ferroviari europei sono in fase di stagnazione o declino. La Commissione Europea vuole incoraggiare l’innovazione e la fornitura di servizi migliori, affinché le ferrovie possano tornare a crescere a beneficio di tutti.

Le proposte sono incentrate su 4 ambiti principali: riduzione delle spese ed efficienza delle norme; maggiore qualità e ingresso di nuovi soggetti nel mercato; una struttura funzionante; una forza lavoro competente. L’Agenzia ferroviaria europea diventerà lo “sportello unico” per il rilascio dell’autorizzazione all’immissione dei veicoli sul mercato e del certificato pan-UE di sicurezza degli operatori (mentre oggi le autorizzazioni e i certificati di sicurezza sono rilasciati dai singoli Stati membri).

Le misure proposte permetterebbero di ridurre del 20% sia i tempi necessari a una nuova impresa ferroviaria per entrare sul mercato sia il costo e la durata della procedura di autorizzazione del materiale rotabile, con un risparmio complessivo previsto per le imprese dell’ordine di 500 milioni di euro entro il 2025.

La Commissione propone di aprire a nuovi operatori e servizi il trasporto nazionale di passeggeri per ferrovia a decorrere dal dicembre 2019, con servizi commerciali competitivi e offerte per contratti di servizio pubblico nel trasporto ferroviario, che coprono la gran parte dei tragitti ferroviari nell’UE (90%), per i quali sarà obbligatoria una gara d’appalto. Le proposte garantiranno chiari benefici ai passeggeri in termini di migliori servizi e maggiore scelta e, associate alle riforme strutturali, dovrebbero assicurare entro il 2035 più di 40 miliardi di euro di benefici finanziari ai cittadini e alle imprese, oltre alla fornitura, secondo le stime della Commissione, di circa 16 miliardi supplementari di km/passeggero.

I mercati di trasporto nazionale di passeggeri restano in gran parte chiusi. Soltanto la Svezia e il Regno Unito hanno aperto integralmente i relativi mercati mentre Austria, Italia, Repubblica ceca e Paesi Bassi si sono limitati a un’apertura parziale. In altri mercati liberalizzati l’aggiudicazione dei contratti di servizio pubblico mediante gara ha consentito risparmi nell’ordine del 20-30% per un determinato livello di servizi, che possono essere reinvestiti nel miglioramento degli stessi.

Per garantire un accesso alla ferrovia equo e aperto a tutti, è necessario che le reti siano gestite da manager dell’infrastruttura indipendenti in modo efficiente e non discriminatorio e che siano coordinate a livello UE per favorire lo sviluppo di una rete genuinamente europea. La Commissione propone di rafforzare il ruolo dei gestori dell’infrastruttura in modo che essi abbiano il controllo di tutte le funzioni centrali della rete ferroviaria – compresa la pianificazione degli investimenti nell’infrastruttura, la gestione quotidiana e la manutenzione e la pianificazione degli orari.

Sulla scorta dei numerosi reclami presentati dagli utenti, la Commissione ritiene che i gestori dell’infrastruttura debbano essere operativamente e finanziariamente indipendenti da tutti gli operatori che assicurano la circolazione dei treni. Ciò è essenziale per eliminare i potenziali conflitti di interesse e garantire a tutte le imprese un accesso non discriminatorio alla rotaia. In linea generale, la proposta conferma che la separazione istituzionale è il modo più semplice e trasparente per conseguire questo obiettivo. Ne l 2019 le imprese ferroviarie indipendenti dai gestori dell’infrastruttura avranno immediato accesso al mercato interno del trasporto di passeggeri.

Comments are closed.