Liguria, Forum TPL: penalizzate ferrovie che collegano Genova all’entroterra

La Regione Liguria spende solo lo 0,26% del bilancio per il servizio ferroviario e ora si appresta a nuovi tagli: la tratta interessata è la linea Genova- Busalla/Isola, che fornisce il servizio all’area urbana genovese della Val Polcevera, ai tanti comuni limitrofi della provincia e a tutta la zona della Valle Scrivia che gravita sul capoluogo ligure. Questa la denuncia congiunta di Coordinamento pendolari liguri, WWF e Legambiente Liguria e Movimento Difesa del Cittadino Liguria riuniti nel Forum TPL.

“Già ora si registrano frequenze a singhiozzo lungo l’arco della giornata, con buchi orari di oltre due ore inconcepibili per una linea metropolitana, e assenza totale di copertura oraria serale che è stata tagliata via via nel corso degli anni “, denuncia il Forum TPL, che sottolinea come il taglio ulteriore del servizio ferroviario – in un’area dove gravitano molti abitanti dei comuni dell’entroterra ligure-piemontese – contribuirebbe all’isolamento di una vasta area geografica.

Denuncia inoltre la sigla: “Ancora una volta Val Polcevera e Valle Scrivia vengono relegate nell’insieme dei pezzi di città e di  regione di serie b. Proprio in queste zone si prospettano disastri ambientali per Gronda e Terzo Valico giustificandoli con la necessità di riduzione del congestionamento del traffico su gomma e con la saturazione delle linee ferroviarie attuali, ma omettendo l’evidenza che con i tagli alle linee ferroviarie e con il depauperamento di tutto il trasporto pubblico in realtà si dà un apporto pesantissimo all’aumento di traffico su gomma e che le linee attuali sono tutt’altro che sature ma in realtà mal sfruttate. Miliardi di euro piovono per queste opere inutili per la mobilità e dannose per l’ambiente di queste aree, che ne usciranno devastate e la Regione Liguria, con il pretesto delle risorse che mancano e dei tagli della Regione Piemonte, taglierà il servizio su una linea che già ora offre un servizio insufficiente. Ma la realtà – conclude il coordinamento – non è che mancano le risorse, la realtà è che le risorse vengono usate per opere di dubbia utilità invece che per un servizio fondamentale. La Regione Liguria spende lo 0,26% del bilancio per il servizio ferroviario, mentre altre regioni come la Toscana e la Lombardia spendono 4 volte tanto”.  Le sigle chiedono di aumentare il servizio ferroviario nell’area e di pianificare adeguatamente il trasporto pubblico in tutta la regione.

Comments are closed.