Maltempo, Trenitalia attiva Piano neve. AACC: evitare disagi degli anni scorsi

La settimana inizia con l’allerta maltempo: con l’arrivo del ciclone “Morgana” si attendono nevicate in tutta Italia, a cominciare dal Nord (tra martedì e mercoledì nevicherà nelle Regioni Nord-Ovest, poi al Centro e in Calabria). Trenitalia ha attivato il Piano Neve e Gelo che prevede una riduzione progressiva dei treni in circolazione, in stretta relazione all’andamento delle condizioni meteorologiche, oltre a specifiche misure tecniche e organizzative per garantire la regolarità del servizio ripianificato, preservare l’efficienza dei treni e il regolare funzionamento dei sistemi di sicurezza, delle porte di accesso alle vetture, degli impianti di riscaldamento.

La riduzione dell’offerta sarà attuata sulla base del continuo monitoraggio sia delle previsioni meteo e delle condizioni oggettive (quantità delle precipitazioni nevose, diminuzione delle temperature) sia dello stato di efficienza e disponibilità dell’infrastruttura (funzionalità di stazioni, scambi, binari, linea elettrica aerea), sulla base delle indicazioni di RFI, Gestore dell’infrastruttura ferroviaria nazionale.

La riduzione assicurerà la continuità della mobilità ferroviaria e un’accettabile regolarità della circolazione. Le variazioni a quanto previsto dall’orario ufficiale saranno tempestivamente comunicate ai clienti, utilizzando tutti i media del Gruppo FS (siti web trenitalia.com e fsnews.it, @LeFrecce; @Fsnews_it; e FSNewsRadio e LaFreccia.TV dal sito web fsitaliane.it), a cui si aggiungono i tradizionali canali delle biglietterie, degli Uffici di Assistenza di Trenitalia, dei tabelloni elettronici e delle locandine affisse nelle stazioni.

Secondo Adusbef e Federconsumatori “piuttosto che confermare  tutti i servizi ferroviari dell’orario in vigore, sarebbe meglio verificare preventivamente l’agibilità degli impianti nevralgici con particolare attenzione ai nodi delle principali città; in Piemonte, come in atre Regioni, per evitare il ripetersi di cancellazioni e disservizi, che negli anni scorsi hanno preso in ostaggio migliaia di viaggiatori costretti per ore a restare all’addiaccio imprigionati in aperta campagna all’interno dei convogli bloccati”.

Adusbef e Federconsumatori chiedono anche ad Anas e Autostrade di predisporre un piano preventivo per gestire il maltempo per evitare di restare intrappolati, come è già accaduto negli anni scorsi, all’interno delle rete autostradali bloccate da neve e ghiaccio.

Comments are closed.