Pubblicità ingannevole, Consiglio di Stato conferma sanzione a Ryanair

Il Consiglio di Stato ha confermato l’ingannevolezza del messaggio pubblicitario lanciato nel 2007 da Ryanair attraverso il quale la compagnia indicava la possibilità di usufruire di tariffe promozionali per determinate tratte servite da Ryanair “a partire da 10 euro solo andata, tasse incluse”. Lo spot – come si evince dalla ricostruzione di Assoutenti – è già stato oggetto di una sanzione dell’Antitrust: “All’ammontare di 10 euro enfatizzato nel claim principale del messaggio va aggiunta un’altra voce, relativa al costo per prenotazione con carta di credito, da corrispondere per ciascuna tratta prenotata e per ciascun passeggero” scriveva l’Antitrust che concluse la sua istruttoria irrogando una sanzione poco più alta di 54 mila euro.Il Tar Lazio, nel 2011, pur confermando il giudizio dell’Agcm sull’ingannevolezza della pubblicità, in quanto non può considerarsi opzionale il pagamento effettuato con carta di credito, aveva ridotto la sanzione a 35.000 euro, tenuto conto della limitata durata della campagna pubblicitaria e dell’importo contenuto del supplemento, la sanzione è stata ridotta a
Oggi Il Consiglio di Stato ha confermato la multa del Tar.

Comments are closed.