Sciopero, si attende venerdì nero a Roma (e non solo)

Si prevede per domani, 25 gennaio, un venerdì nero per il trasporto pubblico: Faisa Cisal e Or.S.A hanno proclamato uno sciopero nazionale di 24 ore. I maggiori disagi saranno nella capitale: a Roma incroceranno le braccia lavoratori di Atac e Tpl Roma dalle 8.30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio. A rischio quindi diverse corse di tram, bus, metro e ferrovie Roma-Lido, Termini-Giardinetti e Roma-Viterbo: il servizio sarà garantito fino alle ore 8.30 e dalle 17 alle 20. Nella notte tra giovedì 24 e venerdì 25 sono a rischio le 27 corse delle linee notturne da N1 a N27.

L’Agenzia per la mobilità precisa che un ulteriore sciopero, sempre di 24 ore, promosso invece dal Sul, è stato indetto contemporaneamente nelle aziende del Consorzio Roma Tpl (linee periferiche): nel dettaglio 24 ore in tutta la Scarl che interesserà tutte le linee diurne e notturne; 24 ore in Autoservizi Fonti che interesserà le linee diurne 028, 030, 031, 032, 036 e 778 e linee notturne n6, n7 e n25; 24 ore in Umbria Tpl e Mobilità SpA che interesserà le linee diurne 027, 037, 044, 051, 057, 059, 088, 503, 511, 775, 984, 992 e 998 e linee notturne.

Diversa la protesta per i lavoratori della ferrovia in concessione Roma-Giardinetti dove è già in corso l’astensione dal lavoro straordinario dal 19 gennaio scorso e che si concluderà il 29 gennaio: potrebbero quindi verificarsi riduzioni di corse sulla linea Termini – Giardinetti.

Comments are closed.