Trasporto aereo, aggiornamento black list europea: divieto per i vettori eritrei

La Commissione europea ha adottato il 20° aggiornamento della black list delle compagnie aeree; l’elenco, che sostituisce il precedente aggiornato ad aprile, presenta tutti i vettori aerei soggetti a un divieto operativo o ad altre restrizioni operative all’interno dell’Unione europea. Alla black list vengono aggiunti i vettori aerei certificati in Eritrea, a causa di gravi criticità riscontrate in materia di sicurezza. Vengono, invece, rimossi quelli certificati in Mauritania, a seguito dei miglioramenti constatati sotto il profilo della sicurezza, e il vettore giordano Jordan Aviation.

Rispetto ai vettori della Mauritania, i progressi compiuti sono stati riconosciuti da due missioni con esito positivo, condotte in loco dalla Organizzazione per l’aviazione civile internazionale (ICAO). È la prima volta che viene tolto un divieto operativo totale che colpisce tutti i vettori aerei di uno Stato; la Mauritania si è pertanto impegnata ad autorizzare i voli verso l’Unione solo a condizioni rigorose.

Anche in Libia sono stati osservati dei progressi dal punto di vista della sicurezza, ma le autorità di questo paese hanno accettato di mantenere il divieto operativo in Europa per i vettori aerei libici fino a quando questi ultimi non avranno ottenuto una completa ricertificazione in grado di soddisfare la Commissione. I

l vicepresidente Siim Kallas, responsabile per i trasporti, ha dichiarato: “La Commissione è pronta a compiere ogni sforzo possibile per aiutare i paesi colpiti dal divieto operativo a dotarsi della capacità tecnica e amministrativa necessaria per superare le difficoltà nel settore della sicurezza con la massima rapidità ed efficienza. Sono lieto che sia stato possibile rimuovere dall’elenco un paese e diverse compagnie aeree. Si tratta di un progresso importante, tuttavia la sicurezza deve sempre avere la precedenza e non intendiamo accettare compromessi su questo punto, da qui nasce la decisione concernente l’Eritrea”.

Comments are closed.