Un regalo poco gradito, Trenitalia denuncia Casper

“Violazione di domicilio”. E’ questa il reato contestato alle Associazioni dei Consumatori aderenti a Casper che un anno fa (il 13 gennaio 2011), nel corso di una manifestazione di protesta per i disservizi ferroviari, si presentarono presso la sede di Ferrovie dello Stato per consegnare un water (con tanto di fiocco regalo), scelto come simbolo delle tante proteste giunte dai passeggeri e relative alla qualità del servizio ferroviario e del pessimo stato delle toilette presenti sui treni italiani. Il regalo non fu gradito dall’ad Mauro Moretti e dagli altri dirigenti di Ferrovie che, infatti, rifiutarono di incontrare i presidenti delle Associazioni che furono costretti a lasciare il water agli addetti della reception della sede romana di Piazza della croce Rossa. Oggi la denuncia a seguito della quale la Procura della Repubblica di Roma (pm dott. Antonio Calaresu) ha deciso di indagare i presidenti Carlo Pileri (Adoc), Carlo Rienzi (Codacons) e Massimiliano Dona (Unione nazionale consumatori), presenti quel giorno alla consegna del water, per il reato di “Violazione di domicilio”, regolato dall’art. 614 del codice penale il quale recita testualmente: “Chiunque si introduce nell’abitazione altrui, o in un altro luogo di privata dimora, o nelle appartenenze di essi, contro la volontà espressa o tacita di chi ha il diritto di escluderlo, ovvero vi s’introduce clandestinamente o con inganno, è punito con la reclusione fino a tre anni”.
“Non sarà certo una denuncia campata in aria come quella di Trenitalia ad intimidirci: continueremo con ancora più forza a difendere i cittadini vittime dei disagi legati al trasporto su rotaia” commentano le Associazioni.

Nella realtà – spiegano Adoc, Codacons, Movimento difesa del cittadino e Unione nazionale consumatori – la denuncia presentata da Mauro Moretti e da Trenitalia è solo un maldestro tentativo di tappare la bocca ai consumatori, e di impedire agli utenti di protestare contro i disservizi ferroviari. Ma proseguiremo nel nostro diritto-dovere di assistere i cittadini vittime dei disservizi ferroviari.”

Comments are closed.