WindJet, Enac: “Non sono arrivate richieste di riavvio”

Riparte o non riparte? La domanda sul caso WindJet nasce spontanea e, come succede in questi casi, le risposte si rincorrono tra indiscrezioni e smentite. L’unica sicurezza, per ora, è che i passeggeri che hanno acquistato un biglietto della compagnia aerea siciliana devono volare con altre compagnie. L’Enac oggi pubblica una smentita secca, rispetto alle voci di un riavvio delle attività della Wind Jet o della costituzione di una NewCo: “Ad oggi non è stata presentata all’Ente nessuna istanza né per la ripresa delle operazioni né per il rilascio di una nuova licenza e di un nuovo Certificato di Operatore Aereo”.

L’Enac assicura che nel momento in cui venisse presentata domanda per la ripresa delle operazioni, o per la costituzione di una nuova compagnia, verranno effettuate le verifiche approfondite previste dai Regolamenti europei sulla sussistenza dei requisiti economico-finanziari e tecnico-operativi a garanzia della sostenibilità del vettore. Si vigilerà anche a tutela della sicurezza delle operazioni e dei diritti dei passeggeri.

Tornando alle voci che circolano sulla possibile ripartenza, a breve, della compagnia aerea, il quotidiano La Sicilia parla di un avvio il prossimo 5 dicembre, con 4 aeromobili su tratte nazionali, e con vettori nuovi e un nuovo nome: la compagnia dovrebbe chiamarsi Aero Linee siciliane ed avere airbus color bianco, rosso e azzurro con la scritta Windjet e una ‘W’ stilizzata sulla coda (un’immagine è già online sul sito www.volawindjet.it).

Intanto si parla ancora troppo poco dei diritti dei passeggeri che hanno acquistato un biglietto inutilizzabile. “La notizia che Windjet torni a volare non ci può che fare piacere, sia per i lavoratori coinvolti,  sia per un servizio utile a chi vuole recarsi in Sicilia con basse tariffe. Quello che tuttavia rivendichiamo con forza -dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori e Adusbef – sono da un lato un attento controllo delle condizioni di operatività della Nuova Compagnia sia in termini di sicurezza e di certezza dei voli, cosa colpevolmente non eseguita dall’Enac, e sia tutto quanto deve essere fatto per soddisfare i rimborsi  ed i risarcimenti di quanti, e sono centinaia di migliaia, coinvolti nelle vicende e nei blocchi dei mesi precedenti“.

Sul sito dell’Enac è possibile consultare il programma dei voli WindJet sostituiti con il vettore Livingston fino al 27 ottobre 2012 per le destinazioni Rimini (da/per Catania), Parigi, Russia e Ucraina. Voli che potrebbero subire variazioni in funzione delle specifiche esigenze del vettore. Per i voli invece da/per altre destinazioni dal 17 settembre fino al 27 ottobre i passeggeri in possesso dei biglietti Wind Jet potranno volare sui voli del normale operativo delle compagnie aeree riportate dall’Enac, continuando ad usufruire delle tariffe speciali, utilizzando i posti disponibili nei voli verso le destinazioni originariamente previste.

 

Comments are closed.