Trasporto aereo, dal 1° luglio 2013 tasse aeroportuali aumentano di 2 euro a passeggero

Dal 1° luglio 2013 scatta un aumento delle tasse aeroportuali. L’addizionale comunale sui diritti d’imbarco dei passeggeri, applicata sui biglietti aerei, aumenterà di 2 euro a passeggero. Secondo l’Adoc, si tratta di un aumento del 37,3% rispetto al costo attuale dei diritti d’imbarco, che arriveranno a una quota media di 7,35 euro. Una cifra che potrebbe avere un impatto rilevante soprattutto sui voli low cost.

Sostiene il presidente dell’associazione Carlo Pileri: “In un momento di crisi nera per il turismo, confermato dal fatto che solo il 30% degli italiani si muoverà per le vacanze di Pasqua, aumentare i costi delle tasse aeroportuali ci sembra inopportuno. Dal primo luglio 2013 i costi dei diritti d’imbarco aumenteranno di 2 euro, il 37,3% in più della spesa attuale, arrivando a quota 7,35 euro in media. Le conseguenze saranno pesanti soprattutto per il turismo low cost, visto che per i vettori operanti in questo settore il costo delle tasse aeroportuali, in alcuni casi, è maggiore del biglietto stesso”.

Per l’associazione c’è il rischio che le compagnie a basso costo lascino progressivamente le tratte italiane, che ci sia un minore afflusso di turisti soprattutto fra i più giovani, che si perdano posti di lavoro e ci sia “l’abolizione ‘de facto’ della concorrenza, a tutto vantaggio delle compagnie di linea”. Da qui la richiesta al Governo di “ripensare sull’aumento delle tasse aeroportuali, che produrrebbe più effetti negativi che positivi sull’economia italiana”, conclude Pileri.

Comments are closed.