Vacanze, Codacons denuncia aumenti record

Rincari a due cifre nel settore vacanze. A giugno i prezzi dei traghetti sono aumentati del 13,1% rispetto a maggio e i biglietti aerei hanno subito rincari del 16,1% rispetto allo scorso anno. Non va meglio sul fronte dei pacchetti vacanza, dove gli aumenti sono del +12,8% sul mese precedente, e del +4% rispetto al 2012. A denunciare questi rincari ingiustificati è il Codacons, secondo cui aumenti di questa entità costringeranno gli italiani a rimanere a casa durante le prossime vacanze estive. 

“Il 55% dei cittadini, ossia 33 milioni di italiani, non potrà permettersi di andare in villeggiatura, perché non ha i soldi per farlo o preferisce risparmiare in vista di un peggioramento della propria condizione economica – afferma il presidente del Codacons Carlo Rienzi – E i dati sui rincari relativi al settore trasporti, dimostrano come oramai la vacanza sia diventata un vero e proprio lusso per la maggior parte delle famiglie, che non riescono a sostenere aumenti dei prezzi a due cifre”.

Un commento a “Vacanze, Codacons denuncia aumenti record”

  1. Francesco ha detto:

    Questi rincari, tra l’altro ingiustificati, sono gli ” incentivi ” per andare in ferie. Così facendo, le ferie, fra qualche anno saranno un miraggio.